• Il camp estivo che hai sempre sognato è a Desio!

    Il camp estivo che hai sempre sognato è a Desio!

    IL CAMP ESTIVO A MISURA DI BAMBINO, il più innovativo e coinvolgente della Brianza, torna nel periodo di Natale, per un'altra settimana fantastica di sport!

    Ragazzi, iniziate a prepararvi! ;-)

    Per info alessandrocrisafulli@libero.it

Vuoi far parte dello staff della webradio di Desio? Fatti avanti!

Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

Nell’ultimo consiglio comunale…tra moschea, zingari, verde, bilancio e quant’altro

Watch live streaming video from desiotv at livestream.com
Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

“Io elettore di centrodestra difendo il sindaco Corti perchè….” (anonimo desiano)

Leggo con amarezza diversi commenti chiaramente di parte.
Preciso di NON essere un estimatore del Sindaco, anzi… l’ho sempre criticato nel merito delle cose che fa e non per la passione e l’impegno che ci mette.
Credo che tutti immaginavamo, nel 2011, che Desio sarebbe cambiata in pochi mesi: così non è stato… ma qualcuno si è mai chiesto il perché?
AMMINISTRARE significa fare delle scelte, giuste o sbagliate che siano, prendersi dei rischi e assumersi delle responsabilità. Qualsiasi Sindaco oggi NON può AMMINISTRARE il proprio comune, perchè è vincolato dai vincoli di bilancio e dalla burocrazia.
Roberto, da anni, va ripetendo che il cdx al governo della Città, utilizzava le entrate extra-tributarie (es. gli oneri) per coprire la spesa corrente. La sua Amministrazione questo non lo fa.
Si tratta dell’ultima scelta che le Amministrazioni di Desio (prima del 2007/8) hanno potuto compiere: hanno scelto di usare un gettito extra (molto importante dal punto di vista economico) per coprire le spese del comune, SENZA PERO’ gravare sulle tasche dei cittadini (la pressione tributaria era di circa 10/12 milioni di euro e il gettito extra di circa 10).
L’Amministrazione Corti questa scelta non può in nessun modo farla perchè mancano le entrate extra-tributare… e quindi non c’è la controriprova: oggi la pressione tributaria a Desio è di circa 20 milioni di euro/anno.
Con questi vincoli, cosa resta da poter investire nel territorio? Quali servizi di qualità possono essere dati ai Cittadini?
Tutto è fermo perchè il nostro Sindaco non può compiere delle scelte, può solo limitarsi al PROGETTO della Città futura, alla manifestazione pro-bambini stranieri nati a Desio, al ricordo di Ambrogio Mauri…
Credo che per Corti non sia una situazione facile, soprattutto perchè da buon ingegnere, 2+2 fa sempre e soltanto 4. In politica invece se devi ottenere 5, ma hai solo due 2, allora fai come Smorta: ti arrabbatti con quello che hai e cerchi di portare a casa 4,2 o 4,5… e dici che è quasi 5, senza dare sempre la colpa a chi c’era prima di te.
Spero sempre che Corti capisca che è arrivato il momento di metterci il cuore e l’inventiva; lasci da parte l’ingegnere e si dimostri un po’ Giampiero…
(Un appello a Crisafulli: Sono un elettore di destra, che non stima il Sindaco-Corti, puoi pubblicare questa mia difesa all’uomo-Corti come post?)

Pubblicato in L'artigiano del mese | 7 Repliche

Il sindaco Corti. Sempre più, un uomo solo al comando.

Il sindaco Roberto Corti è sempre più solo.
La sua giunta, la sua maggioranza, spaccate. Più o meno velatamente, più o meno apertamente.
Alcuni (tanti?) suoi colleghi di partito e di giunta lo criticano, adesso, per ciò che tanti cittadini, da subito, hanno notato: un atteggiamento di ascolto del tutto insufficiente o “fittizio”, un operare in maniera troppo “coi paraocchi”, troppo in maniera rigida, cavillosa.
Non è una mia annotazione (io nel mio recente Pagellone qui su MID lo avevo promosso), è cronaca.

Saprà riconquistare la fiducia della giunta, del partito, della maggioranza, della popolazione?

Vedremo. Intanto a Roma l’ex vicesindaco Ricchiuti va contro Renzi, non votando la fiducia: eventuali ripercussioni desiane?

In ogni caso, buon lavoro Sindaco.

 

 

 

Pubblicato in L'artigiano del mese | 10 Repliche

Polizia locale, turno serale: un “pasticcio”. Botta e risposta tra sindacati dei vigili e assessore Moro

 

Comunicato stampa dell’Assessore alla Polizia Locale – Jennifer Moro
Sperimentazione terzo turno di Polizia Locale
L’amministrazione comunale di Desio ha fortemente voluto la sperimentazione del terzo turno di servizio della Polizia Locale, poiché ritiene che l’obiettivo di estendere la copertura oraria del servizio di vigilanza del territorio con la presenza degli agenti sia una effettiva necessità e una concreta domanda da parte dei nostri cittadini.
A questa domanda deve essere garantita la massima attenzione e, nell’ambito di una migliore programmazione e organizzazione del lavoro, garantita la più efficace risposta possibile.
L’amministrazione si è mossa con questo obiettivo: assicurare ai cittadini un servizio adeguato ed efficace e assicurare agli agenti di PL il pieno rispetto di sicurezza e qualità del lavoro. Lo ha fatto, cercando di coinvolgere fin dall’inizio del percorso l’intero corpo, impostando un percorso di collaborazione e ascolto, durato dal Febbraio a Maggio, che ha portato, sul tavolo del Prefetto, al
totale accoglimento delle proposte delle organizzazioni sindacali: la modifica dell’articolazione dei tre turni, rispetto a quella proposta, e la definizione comune degli indicatori utile alla valutazione della sperimentazione.
Siamo molto dispiaciuti che le sigle sindacali non abbiano poi trovato accordo su quanto inizialmente proposto da esse stesse.
L’amministrazione comunale ha comunque scelto di proseguire, dando attuazione alle loro proposte modificando lo schema di terzo turno (in accordo a quanto proposto dai lavoratori) e definendo gli indicatori utili alla valutazione della sperimentazione. Riteniamo, infatti, che la decretazione del successo o insuccesso di una iniziativa sia da effettuarsi basandosi su parametri di
valutazioni precisi e oggettivi e non basati unicamente su una generica “percezione” né tantomeno su “significativi esempi” dei quali non troviamo, in parte, riscontro. Infatti, la “costante modificazione e stravolgimento dei turni di lavoro”, i “turni diurni svolti da un solo agente in servizio”, gli “equipaggi misti tra un agente ed un ufficiale” e le “costanti e numerose richieste al
personale di espletare servizio straordinario programmato” citate nel comunicato stampa del DICCAP risultano, sulla base di rapide verifiche effettuate dal servizio competente, argomentazioni altamente opinabili e sulle quali non riteniamo utile innescare una sterile diatriba.
L’amministrazione ha intrapreso la costruzione del terzo turno dopo attenta analisi condotta sulla fattibilità dell’iniziativa da parte del Comando e del dirigente alla partita, vagliando attentamente tutte le problematiche sollevate dagli agenti e con il parere assolutamente favorevole della prefettura, nella figura del capo di Gabinetto, che ha ribadito che la sperimentazione si poteva e
si doveva fare.

Pubblicato in L'artigiano del mese | 8 Repliche

Hub Desio Giovani…. un vulcano di idee, progetti e servizi a portata di click!

HUB DESIO

Online da oggi il nuovo sito di Hub Desio Giovani 

Hub Desio Giovani, lo spazio aperto dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Desio nell’ala ovest di villa Tittoni, rinnova la sua presenza online.

Obiettivo del sito: raccogliere in un’unica casa online tutte le opportunità e le risposte alla voglia di partecipare dei giovani di Desio che passano dall’Hub, ma non solo.  

Il termine informatico ‘hub’, che letteralmente descrive un dispositivo informatico che inoltra i dati in arrivo da una qualsiasi delle sue ‘porte’ su tutte le altre, cioè in maniera diffusiva, ben descrive questo centro di cittadinanza e creatività a disposizione della fascia giovanile del territorio, che negli ultimi anni ha prodotto, tra le altre cose, laboratori di apprendimento, occasioni di creatività per il tempo libero, per il lavoro e infine socialità e approfondimento su temi collegati al vivere la Città, attraverso la web radio ‘Tram, dove desio va’, trasmessa in streaming audio video.

Dopo la pausa estiva, che ha dato modo di lavorare in back office sulle nuove proposte da lanciare in autunno, ecco ora quindi lanciato un sito che è un vero hub e che rende giustizia, anche online, alla vocazione dello spazio ‘incontragiovani’ per l’aggregazione e il protagonismo giovanile.

Tra le sezioni del sito, ottimizzato anche per la lettura attraverso smartphone, una che è una vera e propria chiamata rivolta ai giovani di Desio a fare dell’hub la loro casa cittadina. Titolo di questa sezione, tutta da scoprire: “con Hub Desio tu puoi…“

Un esempio su tutti: la galleria ‘giovani talenti’ per dare visibilità e promuovere la creatività

Importante anche l’obiettivo della sezione dedicata alle associazioni del territorio (culturali, sportive e di volontariato), che spesso lamentano la ‘scarsa’ presenza, tra i loro membri attivi, di ragazzi e ragazze. La galleria, che si andrà via via popolando con le informazioni e i dati di contatto che le associazioni stanno facendo arrivare alla redazione del sito, darà, nell’intenzione dell’assessorato alla Partecipazione e Politiche Giovanili,  il quadro complessivo della ricchezza della nostra città dal punto di vista associativo e farà scoprire ai giovani di Desio opportunità che, forse, ancora non conoscono.

 L’indirizzo a cui collegarsi per ‘entrare nell’hub’ è http://www.hubdesio.it/  … ma l’invito è anche quello di sottoscrivere subito la newsletter così da non perdere neanche un aggiornamento!

Ufficio Stampa Città di Desio

Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

Corona Turrita 2014: ecco premiati e motivazioni.

Da parte mia, GRAZIE a tutte queste persone che hanno contribuito e contribuiscono a rendere DESIO UNA CITTA’ MIGLIORE.

Corona Turrita 2014

Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

Occhio alle truffe! La Croce Rossa segnala che…

Il Comitato Locale di Desio di Croce Rossa Italiana vuole informare che nessun volontario, dipendente o membro del nostro movimento è incaricato di raccogliere fondi o donazioni a domicilio presso la cittadinanza o le diverse associazioni presenti nel Comune di Desio.
Siamo stati informati, infatti, dell’attività di truffatori che, spacciandosi per incaricati di Croce Rossa Italiana, si sono recati presso abitazioni e uffici chiedendo denaro per sostenere l’attività del Comitato Locale di Desio, per la manutenzione dei nostri mezzi e per l’organizzazione della festa organizzata nei giorni 27 e 28 Settembre scorsi.
Tutto ciò è assolutamente falso e siamo profondamente rammaricati per l’accaduto.
Vogliamo quindi specificare che Croce Rossa Italiana e il Nostro Comitato raccolgono fondi per proseguire le proprie attività di soccorso e supporto sociale solamente presso la Nostra sede o attraverso mezzi istituzionali come, ad esempio, l’offerta del 5×1000.
Nel ribadire l’assoluta estraneità del Comitato Locale di Desio in questa triste vicenda, chiediamo a chiunque venga avvicinato da queste persone di informare tempestivamente le forze dell’ordine.
Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

La nostra Senatrice ne ha per tutti…. #lavoro #giustizia #salute #corruzione #mafia secondo Lucrezia

Newsletter

Jobs Act. L’impellente bisogno di dare una scossa all’economia, di aprire prospettive occupazionali, di rilanciare la domanda interna hanno indotto il Governo ad agire su due fronti, quello europeo e quello del mercato del lavoro interno.

Sul primo versante, Matteo Renzi ha sostenuto e sostiene con forza un’impostazione di allentamento delle politiche rigoristiche e una maggiore attenzione all’economia reale, alle necessità di investimenti. In una parola: meno vincoli di bilancio e più sviluppo, posizione ora assunta anche dalla Francia. Su questo, da militante del PD e da parlamentare, sono con lui e il Governo.

Sul secondo versante, invece, sono in totale dissenso. Ristabilire l’uguaglianza tra i lavoratori parificando al ribasso il livello delle tutele è sbagliato. La nostra Costituzione ha già fatto la scelta – dopo sacrifici fatti di lotte, guerre e sangue – che il lavoro e’ la base del nostro ordinamento (articoli 1 e 4). Se parificazione deve essere – e deve – occorre estendere le tutele a coloro che non le hanno, non ridurle a chi ancora ce l’ha.
Bisogna ridurre le tipologie contrattuali, prosciugando il lago delle forme di precariato, eliminare le dimissioni in bianco, spostare la tassazione dal lavoro alla rendita e rendere fiscalmente più conveniente il lavoro a tempo indeterminato rispetto alle altre tipologie.
L’art. 18 della legge n. 300 del 1970 – poi – non è a rigore una regola del mercato del lavoro. E’ 
la sanzione per la violazione delle norme sul lavoro. Se una persona viene ingiustamente licenziata deve essere reintegrata. Altrimenti e’ inutile dire quali siano le regole, giacché esse potrebbero essere impunemente violate. Per fare un esempio: che senso ha dire quali siano le regole della proprietà dei beni se poi si depenalizza il furto? Se il ladro non fosse costretto a restituire la refurtiva o se la potesse tenere pagando una modesta cifra in danaro, in che paese saremmo? Per questi motivi in Senato ho presentato emendamenti volti a sventare l’ipotesi dell’abolizione dell’art. 18, a ridurre il numero delle tipologie contrattuali, ad aumentare i livelli di paga minima oraria per le prestazioni saltuarie e non coperte da un contratto collettivo nazionale.

Ecco il testo completo – che stiamo discutendo in Aula al Senato – del disegno di legge  n. 1428Deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Questi gli emendamenti che ho presentato – come prima firmataria – al testo 
4.227 - 4.228 - 4.237 - 4.246 - 4.275 - 4.287 - 4.289 - 4.294 - 4.300 - 4.314 - 4.325

E infine, dire che l’art. 18 riguarda poche persone e’ una bugia. Forse il contenzioso sull’art. 18 riguarda poche migliaia ma questo e’ il segno che la norma serve e che l’effetto deterrente viene conseguito. Se fosse vero che riguarda poche persone, perché darsi tanta pena per abrogarlo?
Il 29 settembre sono intervenuta a 
Radio Popolare proprio per dire queste cose.

  Giustizia. Continua un assurdo balletto di posizioni. C’è una parte del governo (Ministero dell’economia e, in parte, quello della Giustizia) che ha capito il nodo cruciale del nesso tra corruzione e crimine organizzato, da un lato, e fiacchezza economica del paese, dall’altro. Ma ce n’è un’altra che invece non afferra o finge. Paradigmatica la vicenda dell’auto-riciclaggio e del rientro volontario dei capitali. Sembrava tutto pronto, invece pare che ora vi siano riserve del Nuovo Centro Destra, per bocca di un sottosegretario alla Giustizia alle cui ragioni sarebbe sensibile qualche altro ministro. Ne sono amareggiata ma sono convinta che i deputati più avveduti insisteranno e porteranno a casa il provvedimento. Poi resta il problema della riforma della prescrizione dei reati. E’ un’urgenza e non mi stancherò di ripeterlo. Su questi aspetti mi sono soffermata la sera del 28 settembre a Desio, nell’ambito di Prospettive democratiche - la ‘3 giorni’ di dibattiti organizzati dal PD locale – durante un’interessante incontro con Anna Canepa, magistrato antimafia, e con l’avv. Tiziana Ornaghi di Milano.

 Lombardia. Purtroppo la Giunta Maroni continua a umiliare, prima ancora che la gente per bene e i sinceri democratici, il buon senso. L’aver deciso di mettere il servizio di fecondazione assistita eterologa a totale carico dei pazienti è uno sfregio al diritto alla salute, all’uguaglianza e al senso del ridicolo. I nostri concittadini che non se lo possono permettere dovranno andare appena qualche chilometro più in là, in Emilia – dove il servizio è gratuito – o in Toscana – dove è stato deciso un modesto ticket.
Buone notizie invece dal comune di Milano. Primo in Italia, si dota di una procedura, suggerita da
Transparency International, per favorire le segnalazioni dei dipendenti pubblici e denunciare e prevenire corruzione, concussione e altri reati contro la pubblica amministrazione. L’Amministrazione comunale ha presentato in commissione antimafia, che ha promosso ilWhistleblowing, la piattaforma informatica su cui poggerà la procedura e ha comunicato la costituzione dell’Organismo di Garanzia che raccoglierà le segnalazioni. Ne fanno parte tre persone di indiscutibile prestigio: Roberto Montà, sindaco di Grugliasco, presidente di Avviso Pubblico, Virginio Carnevali presidente di Transparency Italia e Mariangela Zaccaria, vice segretario generale del comune di Milano.

 Appuntamenti.  Sabato 4 ottobre alle ore 17.00 sarò a Bologna alla Sala M. Biagi, Baraccano – via Santo Stefano 119 - per partecipare all’incontro organizzato da Libertà e Giustizia ”Le riforme costituzionali ed elettorali al tempo del governo Renzi”.

Il 30 ottobre, alle ore 17.00, nella Sala Zuccari del Senato, si terrà il convegno Emergenza corruzione: analisi e prospettive future che ho organizzato insieme all’Associazione Res Magnae.
Interverranno certamente Maria Carmela Lanzetta (Ministro per gli Affari regionali), Raffaele Cantone (Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione), Rossella Orlandi (direttrice Agenzia delle entrate) e il procuratore aggiunto Francesco Greco. Vi aspetto.

Seguitemi anche su Facebook. Un caro saluto e a presto,
Lucrezia

 

Pubblicato in L'artigiano del mese | 1 Replica

Torna DesioCittà, l’informatore comunale… ti piace? lo ritieni utile?

Clicca e sfoglia DesioCittà numero 0

Pubblicato in L'artigiano del mese | 9 Repliche