Binari del tram….Pisapia portali via!

Ennesimo incidente in via Garibaldi, per colpa dei vecchi, fastidiosi, pericolosi, binari del tram.
La competenza – in molti ancora non lo sanno, forse nemmeno in Comune – è solo ed esclusivamente del Comune di Milano. Come spiega ATM in una apposita nota.

Spiace dover ribadire nuovamente quanto l’azienda ha già comunicato da diversi anni: la linea tranviaria Milano-Desio è stata riconsegnata nel 2012 al Comune di Milano e quindi non è più in carico ad Atm. Viene indicata impropriamente Atm come responsabile delle rotaie dismesse nel comune di Desio, quando non ha invece alcun potere né obbligo circa la rimozione dei binari.

Come statuisce il Codice Civile (art. 822, comma 2) le “strade ferrate” appartengono allo Stato o all’ente territoriale e fanno parte del Demanio Pubblico. Anche l’articolo 824 ribadisce che “le strade ferrate” che appartengono alle province o ai comuni sono soggetti al regime del Demanio Pubblico. I binari in Desio, quindi, fanno parte dell’insieme dei beni inalienabili dell’Ente Locale sui quali Atm non ha quindi alcuna potestà o proprietà. La loro rimozione deve essere pertanto disposta dal Soggetto Pubblico proprietario.

Dopo oltre tre anni dalla riconsegna dei binari al proprietario speriamo di aver chiarito una volta per tutte la realtà dei fatti.

 

Questo inserimento è stato pubblicato in territorio. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

5 Commenti

  1. fabrizio
    Pubblicato il 22 Aprile 2015 alle 07:25 | Permalink

    Trovo strano che il Comune di Desio non sapesse circa la proprietà delle rotaie. Tra l’altro non potrebbe coprirle con asfalto? A Milano è stato fatto in molti tratti tramviari in disuso.

  2. anonimo
    Pubblicato il 23 Aprile 2015 alle 12:25 | Permalink

    Mi sa che porto rogna! Proprio quest’ultimo sabato ero in piazza, e domandavo come mai dopo tanto tempo i binari fossero ancora li posizionati in bella vista, a creare pericolo. Domandavo come mai il Comune non li toglieva. C’era anche qualcuno che bazzicava il Comune, e non ha saputo dirmi nulla di preciso. A mia domanda: “ma se qualcuno si fa male, chi risponde?”, nessuno mi ha risposto. Ho espresso la mia opinione, e cioè che, secondo me, doveva intervenire comunque il Comune a protezione dei suoi cittadini, e se non fosse stato lavoro di sua competenza, avrebbe poi dovuto addebitare le spese a chi di competenza. Mi hanno detto che non funziona così ….. ed io ho pensato, proprio non so perchè, alla repubblica delle banane ….

  3. Claudio Fiore
    Pubblicato il 24 Aprile 2015 alle 06:44 | Permalink

    se affidassero i lavori ad una cooperativa di extracomunitari la rimozione delle rotaie probabilmente avverrebbe subito. Naturalmente Coop rossa, con tanto di contributo Statale, Provinciale, Comunale. Attenzione. Se ci sono ancora comunque la colpa e’ di quelli che c’erano prima. Se poi mancano gli interventi è’ perché non ci sono soldi per queste cose. Bisogna dare delle priorità. come ad esempio la rotonda in Via Achille Grandi. Sapete quanto viene a costare???

  4. dubbioso
    Pubblicato il 30 Aprile 2015 alle 07:42 | Permalink

    http://www.comune.desio.mb.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=26888

    Ma questo lavoro non è a carico di Briaza Acque? Perchè viene publicizzato come se fosse un progetto del comune di Desio?

    Per informazione grazie.

  5. Sara
    Pubblicato il 27 Giugno 2015 alle 11:22 | Permalink

    Aggiungiamo una caduta alla lunga lista: +1

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*