Campagna elettorale con i soldi dei desiani. Un po’ di chiarimenti (a chi stenta o fa finta di non capire)

Mi hanno inviato un po’ di commenti al mio post, usciti sul gruppo SEI DI DESIO SE….
Dopo una lunga risata, con tanta pazienza, ecco un po’ di delucidazioni.

Alessandra Palma Mi sono presa la briga di andare a leggere la determina. Nessun utilizzo di soldi dei cittadini desiani e nessuna campagna pubblicitaria o elettorale, trattasi di spesa per cartellonistica su cantieri che verranno aperti a desio, del tipo : “inizio e fine lavoro e tipologia di intervento.

QUI BASTA DAVVERO POCO. Leggi la determina prima di scrivere, fai figura migliore.
Di chi pensi che siano i 7500 euro di spesa, del Sindaco di tasca sua? O del PD? (come dovrebbero visto l’uso palese che verrà fatto dei cartelloni). Sono miei, tuoi, di tutti i desiani. 
Alessandra Palma Quando si vorrebbe fare informazione e invece si fa disinformazione….personalmente trovo imbarazzante prendere cantonate simili e, come cittadina, mi sento offesa per la manipolazione di informazioni che, se non avessi il tempo di verificare, mi influenzerebbero. Non mi piace essere presa per i fondelli.
QUI SERVE ANCORA MENO. Quale sarebbe la cantonata? Quale la manipolazione? Quali verifiche hai fatto? Riprova, sarai più fortunata.

Andrea Pedroni Griffi Io non sono ben informato sui fatti, ma quando c’erano i cartelloni sopra l’area cani/vasca volano (che oggi pare sia visibile) nessuno ha avuto da ridire su di essi. E immagino siano costati qualcosina.

RAGAZZI, NEI PROSSIMI MESI LA CITTA’ SARA’ UN CANTIERE UNICO. Si chiama campagna elettorale, ne ho seguite una valanga, ormai. E perchè pensate che negli ultimi mesi la Giunta abbia abbassato le tariffe di mense e asili? Annunciato la mega sala polivalente in Villa Tittoni? Fantastiche piste ciclabili? Ecc. ecc…. Il tutto con conferenze stampa…
Si chiama ricerca del consenso elettorale, ragazzi. Lo 
Andrea Pedroni Griffi Personalmente preferisco sapere cosa si fa dei miei soldi e sono i cantieri, non i cartelli, quelli che costano per davvero
Beh si potremmo parlare anche di quello.
Marco BrugnerottoAnche io ho letto la delibera e devo dire che l’autore ha qualche problema con Roberto corti, secondo me all’oratorio lo faceva sempre state in porta e ora si vendica.

Se ti riferisci all’autore del post sul gruppo, non lo so. Se ti riferisci a me, autore dell’articolo, allora posso dirti prima di non fare lo spiritoso, che non fai ridere nessuno. Secondo, che non ho nulla contro Roberto, che ritengo un buon sindaco che ha fatto un discreto lavoro, molto meglio di altri in passato. Ma faccio il mio lavoro. E sappi che all’oratorio ero sempre il 10, e con la fascia di capitano. 
Mattia Costanza Allora abbiamo capito in tanti male…anche se sinceramente i termini non mi “fanno” capire bene…Ps il giornalista non mi sembra uno sciocco qualunque, anzi credo che prima di scrivere si sia ben informato
Ovviamente ho visto le carte, le delibere.  
Alessandra PalmaCredo che abbia letto il documento e “interpretato” e supposto qualcosa che non c’è.
Credi male.
Simone Gargiulo Ale Ale esci la tessera!..
Mai avuto tessere di partito e mai le avrò. Unica tessera che ho avuto, e di cui sono fiero, è quella della Curva Nord dell’Inter.

Mattia Costanza Allora ci saranno molti che hanno interpretato male…

Crescenzio Conti esci..esci..

Luca Sala Carissimi non si tratta di cartellonistica da cantiere “inizio e fine lavori” ( che è a carico dell azienda che fa i lavori) ma bensì di cartellonistica pubblicitaria da porsi vicino le aree cantiere (tipo le imprese che mettono come sarà il lavoro finito per vendere prima le case).
Qui non si vendono case ma si liscia il pelo al cittadino o “city users” o elettore, chiamatelo come volete.
Nel caso della vasca volano, non so se esista una delibera, non so se esista una ulteriore spesa per i cittadini e, se queste cose esistono, è un peccato che nessuno se ne sia accorto in tempo.
Se il cartellone pubblicitario della vasca volano è stato fatto con i nostri soldi, e un difetto non essersene accorti, non un pregio averlo fatto

L’UNICO, LUCA, CHE HAI DIMOSTRATO di aver capito come sta la questione (del resto palese, basta leggere la delibera e sapere come vanno le campagne elettorali) e la gravità della stessa, seppur parliamo di una cifra modesta e ci siano anche altri problemi più gravi. 
Questo inserimento è stato pubblicato in L'artigiano del mese. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti

  1. Italia
    Pubblicato il 4 Gennaio 2016 alle 02:25 | Permalink

    Gentile Crisafulli vada avanti e non tenga conto di certi commenti.
    La motivazione si collega sia alla dichiarazione che alla forma dell’atto amministrativo.
    Tale determina è carente di uno degli elementi essenziali ossia la motivazione. (che deve essere istituzionale e non di propaganda politica).La motivazione si collega sia alla dichiarazione che alla forma dell’atto amministrativo. Per l’articolo 3 della legge 241 del 1990, ad esclusione degli atti normativi e di quelli a contenuto generale, la motivazione deve riportare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato le ragioni dell’amministrazione. Non mi sembra di leggerle nella determina in questione.
    Italia Antonella

  2. Claudio Fiore
    Pubblicato il 4 Gennaio 2016 alle 15:18 | Permalink

    Dobbiamo farcene una ragione. Sono tutti uguali. Cambiano facce, bandiera e programmi, ma alla fine hanno un unico obiettivo, andare a avanti a tutti i costi.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*