Forno inceneritore, la Lega dice che…

Ricevo e pubblico dalla Lega Nord Desio

L’Assessore regionale all’ambiente Claudia Terzi è disponibile ad un incontro con il comune di Desio e i comuni limitrofi, coinvolti dalla presenza dell’inceneritore, per avviare la realizzazione di un protocollo che abbia come scopo quello di effettuare un monitoraggio approfondito della qualità dell’aria e delle diossine presenti nel territorio di Desio.

L’esigenza di avere dei dati da valutare è emersa in più occasioni nel corso del dibattito politico locale, e la Lega Nord – dall’opposizione – ha sempre fatto la sua parte.

La nostra proposta chiedeva a Regione Lombardia di attivarsi alla realizzazione di un protocollo, come quello siglato con i comuni di Parona e Filago, per realizzare uno studio epidemiologico sulla popolazione nell’area di ricaduta fumi del termovalorizzatore di BEA e un monitoraggio della qualità dell’aria.

“Apprendiamo con piacere la disponibilità da parte dell’assessore Claudia Terzi e rivendichiamo con orgoglio il fatto che grazie alla nostra azione propositiva si sia arrivati ad avere questa disponibilità”, ha dichiarato Martina Cambiaghi, responsabile degli Enti Locali Lega Nord. “E’ un passo avanti importante. Ora servirà un tavolo di coordinamento tra tutti gli enti interessati, che ci auspichiamo venga convocato e coordinato da di Desio. Del resto, il nostro comune ospita l’inceneritore ed è il proponente di questa iniziativa: assumere questo ruolo sarebbe un  un atto di maturità politica ed amministrativa”.

Questo inserimento è stato pubblicato in L'artigiano del mese. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

9 Commenti

  1. Sara Montrasio
    Pubblicato il 17 aprile 2016 alle 18:52 | Permalink

    I dati sulla qualità dell’aria l’assessore Terzi li ha a disposizione in qualsiasi momento da ARPA Lombardia, che infatti negli ultimi anni ha segnalato sforamenti nelle emissioni da cui sono scaturite segnalazioni alla procura e richieste che la Regione diffidasse Bea dal proseguire in questo modo. Dopo un lungo silenzio, un’interrogazione del M5S Corbetta deve averli svegliati dal letargo perché a quel punto finalmente hanno inviato diffida a Bea. Poi ben venga l’impegno di chiunque contro l’inceneritore e a favore della salute dei cittadini, ma vigiliamo meglio, tutti. PS: i dati che servono al nostro territorio sono quelli relativi alle malattie riscontrate nella zona di ricaduta dei fumi del forno, sarebbe utile se la Regione cominciasse a commissionare le mappe di ricaduta, altrimenti stiamo fermi altri 5 anni.

  2. claudio
    Pubblicato il 18 aprile 2016 alle 06:50 | Permalink

    Perché fate la gara a chi (scusate la caduta di stile) “ce l’ha più lungo”? Se dalla regione c’è la disponibilità a fare questo studio epidemiologico lo si faccia e si vedano i risultati ottenuti. È questa continua polemica e voglia di far vedere che uno è il primo della classe a tutti i costi che allontana le persone. 5 stelle compresi che ormai stanno diventano pari pari come tutti gli altri

  3. Sara Montrasio
    Pubblicato il 18 aprile 2016 alle 12:09 | Permalink

    La questione, se vogliamo evitare le locuzioni da stadio, è un po’ più articolata. Certo che va bene se la regione promuove ‘davvero’ lo studio epidemiologico, la domanda è come mai la Lega in consiglio regionale ha bocciato un po’ di tempo fa sia lo studio che le analisi dei terreni e ora ne rivendica il merito? Forse quello che allontana davvero la gente dalla politica è la mancanza di coerenza.

  4. giulia
    Pubblicato il 18 aprile 2016 alle 14:55 | Permalink

    forse perché fino ad ora la disponibilità a parole l’hanno sempre data tutti, poi però da anni non accade nulla..

  5. american sniper
    Pubblicato il 18 aprile 2016 alle 17:58 | Permalink

    Tutti le persone che vanno allo stadio sono maleducati , incolti , incivili , sboccati , teste vuote ecc. Claudio , un corso dalle Orsoline ……………Sara Montrasio ma mi faccia il piacere !

  6. claudio
    Pubblicato il 18 aprile 2016 alle 19:59 | Permalink

    Forse in questo caso la mancanza di coerenza è un merito, se quindi regione ha cambiato idea va bene così. Credo, da non politico credo che vada bene così. Capisco però che per i politici ci siano altre esigenze

  7. fabrizio
    Pubblicato il 19 aprile 2016 alle 06:07 | Permalink

    Il Forno Inceneritore è un tormentone. Già c’erano problemi trent’anni fa.

  8. claudio
    Pubblicato il 19 aprile 2016 alle 06:38 | Permalink

    Poi sulle locuzioni da stadio… Grillo è un maestro in questo, anche in questo caso la coerenza… Mah…

  9. Aaaa
    Pubblicato il 19 aprile 2016 alle 17:58 | Permalink

    Ma chi é sta Martina Cambiaghi? La solita prezzemolina?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*