Forza Italia e Lega Nord, sto matrimonio non s’ha da fare…

Come un fulmine a ciel…tutt’altro che sereno…ecco l’indiscrezione: Lega Nord e Forza Italia, dopo mille tentativi di trovare l’accordo su nomi e programmi…sarebbero arrivati alla rottura.
Sarebbero proprio i Lumbard che avrebbero deciso di “alzarsi dal tavolo” e prepararsi alla corsa in solitaria. Con nome e programmi propri. Del resto, gli stessi leghisti sono sempre stati i più titubanti e sospettosi, al tavolo delle trattative, mentre gli Azzurri hanno sempre cercato di trovare prima possibile l’accordo.
Uno scenario che attende solo la conferma ufficiale. Anche se in un contesto politico così schizofrenico, non si possono escludere nemmeno nuove, clamorose, retromarce.
Tant’è. La realtà e che se Lega Nord e Forza Italia, dopo aver perso la lista Per Desio, dovessero andare ognuna per la propria strada, la partita sarebbe ancora più ingarbugliata. Aumentando entusiasmi e chance degli ormai tanti e battaglieri “terzi incomodi”: Sara Montrasio e i 5Stelle, Paolo Smorta e la sua lista pronta per la presentazione, la stessa lista di Simone Gargiulo. Sarebbero in 5 – compresi appunto leghisti e forzisti – a cercare di guadagnarsi il secondo posto utile per il ballottaggio. E, in quel caso, una incredibile chance di farcela, perchè la sensazione è che se il sindaco Corti ha un posto sicuro – al ballottaggio – in quel momento potrebbe non essere, con un nuovo giro di alleanze e inciuci vari, il favorito.

Voi che ne pensate?

Questo inserimento è stato pubblicato in dibattiti, politica e il tag . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

19 Commenti

  1. il gladiatore
    Pubblicato il 26 Marzo 2016 alle 19:01 | Permalink

    Un disastro annunciato del centro-destra partitico. E adesso mancano solo poco più di due mesi alle elezioni. Auguri

  2. vincenzo bella
    Pubblicato il 26 Marzo 2016 alle 19:08 | Permalink

    E dire che F.I. è arrivata persino a scimmiottare la lega, e mi è dispiaciuto, perchè un pezzo di strada in quel “partioto” l’ho fatta anch’io.

  3. gabel
    Pubblicato il 27 Marzo 2016 alle 09:19 | Permalink

    Che il centro-destra a Desio fosse morto non vi erano dubbi. Di FI già lo sapevamo. Della Lega di Desio osservo che è in agonia da troppi anni. Colpa anche di quell’incapace politico dell’attuale segretario della LN Tino PEREGO, che invece di costruire una lega che fosse in grado di proporre un candidato forte, ha pensato di vivere sul consenso del solo simbolo. Fare banchetti sul nulla senza dire alla gente chi sarà il candidato sindaco e un programma è demenziale. Così si tradisce una città e si tradiscono gli elettori desiani. Corti avrà futuro luminoso con certi antagonisti politici come questi, e dopo sarà volta la Ricchiuti. E così per 10 anni saremo a posto grazie alla incapacità della LN locale. State sereni. Firmato: Gabel, elettore di centro destra, e adesso, pentito.

  4. Anonimo
    Pubblicato il 27 Marzo 2016 alle 11:07 | Permalink

    Che il centrosinistra vincerà ancora in una città di centrodestra.
    Non sarebbe un guaio se non ci fosse Corti.

  5. Letizia
    Pubblicato il 27 Marzo 2016 alle 13:23 | Permalink

    Questo è il migliore modo per fare vincere M5S al ballottaggio
    Chi si nasconde dietro questa strategia ? Penso valga la pena di riflettere

  6. anonimo
    Pubblicato il 28 Marzo 2016 alle 13:53 | Permalink

    Cara Letizia, nessuno si nasconde dietro questa strategia … nel senso che non c’è nessuna strategia nel centro-destra e nei suoi Partiti o movimenti. Proprio non c’è nemmeno alcuna riflessione in corso. Al contrario nella sinistra (così la chiamo perchè non vedo un centro-sinistra) si sono resi conto che il Sindaco attuale avrebbe dovuto fare molto di più, si sono resi conto che per questo è, per così dire, poco attraente, e stanno riempiendo gli ultimi sei mesi con tutta una serie di iniziative che spesso risultano di pura e semplice propaganda elettorale. A volte mi viene in mente questo detto: “parlarne male, parlarne bene, purchè parlarne”. Ovviamente il PD desiano ne parla bene del Sindaco attuale, ed è ovvio. E gli altri? Bò! E’ quasi tardi, ma spero, per il bene della Città, che in ogni caso si arrivi ad una maggioranza che sa ben governare ed a una minoranza che sa come ci si oppone con un atteggiamento costruttivo.

  7. Mameli
    Pubblicato il 28 Marzo 2016 alle 18:11 | Permalink

    Più che sui contenuti, i ben informati, dicono che il bubbone sia scoppiato sui nomi.
    Ai forzitalioti non garba il nome del sindaco ( se custui è la massima espressione della lega siam messi bene)
    Ai legaioli non piacciono le facce note viste e riviste in forza italia (quella che doveva essere rinnovata).
    Comunque pare che la lega trovi alleanze con i meloniani e una nuova lista di estrema destra, mentre la truppa berlusconiana pare stia bussando alla porta di Smorta e della Old politique desiana (i centristi di destra e sinistra ) in una sorta di prima sperimentazione del partito della nazione

  8. gabel
    Pubblicato il 29 Marzo 2016 alle 11:49 | Permalink

    Spiegami Mameli. nel senso che Smorta cerca di recuperare i centristi (ex CCD e UDC) rimasti orfani dalla vaporizzata coalizione FI-LN? Se fosse così, sarebbe una novità interessante. Oggi su FB il segretario del PD Giorgio GEROSA è andato giù pesante con FI e Lega. Programma ZERO, idee ZERO, solo BISTICCI. Possiamo dargli torto? Osservo tuttavia che un sindaco è forte se forte è anche l’opposizione… Anche CORTI dovrebbe quindi riflettere che vincere così…. NON E’ IL MASSIMO! Ma vincerà, purtroppo.

  9. anonimo
    Pubblicato il 29 Marzo 2016 alle 14:06 | Permalink

    Mmmm…, spero che Paolo Smorta riesca a coagulare le varie anime cosiddette di centro e/o civiche, che a mio parere occupano un ampio spazio non occupato dai partiti (con la p minuscola) tradizionali. Purtroppo gli intelligentoni che vedo sul campo sono più intenti a vedere le difformità reciproche (e le invidie, le cazzate, ….), e sono più intenti a sparare giudizi sommari piuttosto che a discutere di cose concrete, di cose da fare, di obiettivi. Auguro a Paolo Smorta di farcela a mettere insieme una alternativa al Corti. Sperem. Desio ci guadagnerà.

  10. anonimo
    Pubblicato il 29 Marzo 2016 alle 14:13 | Permalink

    PS: Non mi piace nemmeno un pò chi critica pesantemente il proprio avversario politico solo con giudizi e non con i fatti. Affermare che il programma degli avversari è brutto, sporco o cattivo è, a mio parere, solo indice di debolezza propria. Io voglio, pretendo di sapere tu (partito politico) che cosa vuoi fare; se invece mi fai perdere tempo per dirmi cosa non và del tuo concorrente, per me significa solo che non sai dirmi cosa fare tu.

  11. pravda55
    Pubblicato il 29 Marzo 2016 alle 18:05 | Permalink

    E chi l’ha detto? Vincera’ chi promette tante case nuove, nei posti piu’ in di Desio, tipo San Giuseppe, San Carlo, al confine Seregno…in attesa che la Pedemontana muoia sulla Mi/Meda..mentre Corti governa, altri pensano al proprio orticello che da verde diventi mattone.Il mondo gira…

  12. Mameli
    Pubblicato il 29 Marzo 2016 alle 19:46 | Permalink

    La lista smorta ad oggi è semplicemente un foglio bianco. Sta a lui crearne un opera d’ arte o un obbrobrio.
    Ha una forchetta che va da 200 a 2000 voti. Vediamo una volta riempito il foglio cosa ne verrà fuori.
    Non vedo tanta fantapolitica in un eventuale coalizione di centro con i vari Arosio garbo bella sicurello gli ex mariani, un eventuale pezzo dell attuale forza italia

  13. gabel
    Pubblicato il 31 Marzo 2016 alle 17:19 | Permalink

    Per i primi di Agosto il candidato della LN sarà pronto. Non abbiate fretta.

  14. puntiglioso
    Pubblicato il 31 Marzo 2016 alle 18:59 | Permalink

    Dott. Bella è carino da parte sua che stia preoccupando del destino di forza italia, poteva forse farlo prima, invece che abbandonare la nave mentre affondava e lasciarla in mano a scimmiottatori della lega.
    D’altronde è da 5 anni che è seduto in consiglio con i voti del Pdl.

  15. Vincenzo Bella
    Pubblicato il 1 Aprile 2016 alle 21:26 | Permalink

    Sig. Puntiglioso io non sono preoccupato del destino di F.I. lo sono stato ed ho fatto il possibile , rilegga e tal proposito il mio intervento al primo C.C. dopo le elezioni del2010. Lei saprà come ho operato in quei sei mesi. Ricordi che allora, nonostante volessero buttarmi a mare, io non ho abbandonato la nave. Ancora nel 2011 ho sperato che questa forza politica assumesse un minimo di regole da partito politico. Ancora nel 2011 ho preso la tessera. Ma….. “Scimmiottare” . Che brutta espressione che ho usato. Ne trovi lei un’altra che esprima lo stesso concetto. Cavalcare la campagna “raccolta viveri per gli italiani” e quella sul forno è veramente strumentale. Il forno lo abbiamo sempre amministrato noi, e poi arrivare a dire che il Sindaco non ha vigilato è volgare mistificazione. Sono in C.C. con i voti del PDL. è vero, ma anche e soprattutto per le preferenze ricevute. Ho sostenuto il Pdl/FI per 10 anno ed alla fine non io ho abbandonato F.I. è stato piuttosto il capo del partito ed i coordinatori locali che hanno tradito me e gli elettori, e la caduta verticale dei consensi lo dimostrano. Resta il rammarico perché un pezzo di strada in quel partito l’ho fatto anch’io. Rammarico perche quella forza politica non ha saputo evolversi in partito e sta conseguentemente implodendo. Rammarico perché il centro destra resta privo di una forza che lo rappresenti. Sig. Puntiglioso se ha bisogno di chiarimenti precisi chieda pure , ma si firmi. Un saluto.

  16. Marco Bossi
    Pubblicato il 2 Aprile 2016 alle 09:36 | Permalink

    Concordo con Vincenzo Bella. Ha ragione quando afferma che spesso sono i partiti a tradire noi e gli elettori. Basta vedere cosa è in grado di presentare oggi il centro-destra a Desio. Ancora oggi (02 Aprile) i cittadini non sanno quale sarà il candidato sindaco da contrapporre a Corti. Sento dire che arriverà la proposta del lissonese Massimo ZANELLO. Siamo purtroppo alla frutta…

  17. fabrizio
    Pubblicato il 2 Aprile 2016 alle 14:21 | Permalink

    Dal dibattito in corso, trovo conferma che Corti se non è il migliore è certamente il meno peggiore. Farà come l’Orazio che, uno alla volta, eliminerà i Curiazi.
    Avevo a suo tempo consigliato alle segreterie politiche dei partiti di centro -destra di presentare alle prossime amministrative solo candidati di bandiera, preparandosi invece solennemente per quelle del 2021, quando Corti sarà ineleggibile. Ma la fretta è la fretta.

  18. marco beretta
    Pubblicato il 4 Aprile 2016 alle 11:53 | Permalink

    Vincenzo Bella ha fatto come sempre un’analisi puntuale e precisa: non potrebbe non essere così,dato che è persona coerente e non prende una posizione in base quanto consenso la sua decisione gli porta o meno.Capisco la sua amarezza,anche se dettata da decisioni altrui, che gli deriva dalla constatazione di un dato politico tanto evidente quanto poco dibattuto:l’appiattimento di forza Italia sulle posizioni della Lega e direi anche di Forza Nuova,lascia gli elettori moderati di centro destra, in una città dove il centro destra è prevalente, orfani.
    Cordiali saluti

  19. fabrizio
    Pubblicato il 4 Aprile 2016 alle 18:27 | Permalink

    Definirei l’elettorato desiano come conservatore che però rifiuta l’eccesso di conservatorismo. Dopo tutto Desio ha avuto due sindaci comunisti (Zucca e Luigi Mariani) e due di centro-sinistra (Desiderati e Corti).

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*