Il rispetto delle regole, anche quelle piccole, per una convivenza migliore: una lettera

Ricevo e pubblico.

Ciao Alessandro, ho trovato per caso il tuo blog e mi è sembrato molto interessante. Ovvio è qualcosa per Desiani solamente ma per questi rappresenta un buon modo per essere informati circa la propria città.

Vorrei evitare di tediarti troppo circa chi sono ma in breve sono un ragazzo di 35 anni che ha sempre vissuto a Desio fino all’età di 30 anni poi per lavoro mi sono trasferito all’estero e attualmente lavoro a Roma ma faccio la spola (per ragioni di cuore) ogni settimana nord-sud.
Ho acquistato una abitazione in via Grandi non più di un anno fa e da allora (a parte gli spostamenti lavorativi) trascorro molto tempo a Desio.
Ho conosciuto il tuo blog perchè ridevo sul fatto che i cartelli elettorali, a distanza di mesi dalle elezioni, fossero ancora lì. Ho googolato la cosa e… madeindesio era lì. L’ilarità è nel fatto che avevo io stesso scattato foto con l’intento di scrivere al Comune ma visti i pregressi (vedi scambio di mail qui sotto) credo che possa sortire maggior effetto il tuo blog.
Non so se ti possono interessare questi argomenti pertanto ti aggiorno brevemente e ti mando qualche foto esplicativa e, nel caso, sono ben contento di darti ulteriori dettagli.
1 Discarica in via Olmetto: la parte terminale della via chiusa che porta alla Coperativa il Seme viene usata come discarica di qualunque materiale e come posteggio notturno. Gelsia è celere, previa mia mail, a rimuovere il materiale. Il problema è che questo non viene fatto (credo correttamente) in modo proattivo da parte loro. La Polizia Municipale, informata via mail più volte e visitata durante gli orari di apertura al pubblico, non ha mai dato una minima risposta. Ti allego zip con ultime foto solamente con un televisore parcheggiato li da quasi un mese.
2 La situazione di degrado in cui versa Desio e il continuo lasciar correre. Ti allego un file zip con delle foto di scritte sui muri (possibile che non sia possibile colpire i writers? possibile che il comune non possa aiutare i cittadini a sistemare le facciate?), autovetture in perenne dobbia fila (come è possibile che la Polizia Municipale non elevi alcuna contravvenzione? Credo che se assumessero una persona addizionale che stazioni permanentemente in via Garibaldi e via Matteotti il suo stipendio possa essere ripagato solamente con multe) e lo stato dei parchi pubblici (incuria più totale). Credo fermamente che il bello attiri altro bello e che aiuti a far capire ai cittadini le bellezze (da mantenere) che hanno accanto a loro.
La mia visione è che sia necessario un cambiamento culturale profondo ma che noi Italiani non siamo in grado di farlo da soli. Il piacere nel rispetto delle regole (inizialmente via metodi coercitivi quali le contravvenzioni) è forse il primo passo verso una convivenza migliore.
Ritieniti libero di utilizzare al meglio le informazioni di cui sopra tralasciando la mia storia personale visto che credo non sia di interesse alcuno ai più.
Cordialmente.
 L.T.
Questo inserimento è stato pubblicato in L'artigiano del mese e il tag , , , . Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Un Commento

  1. carla
    Pubblicato il 9 Agosto 2013 alle 04:54 | Permalink

    Sono rimasta meravigliata che nessuno abbia replicato al tuo post.

    C’e’ molta delusione nei Desiani e si spera che si possa fare un piano
    per la manutenzione di Desio, ben organizzato e portato a conoscenza
    dell’intera popolazione., cominciando dalle scuole, prima dell’apertura.

    Certamente non ‘ giusto intervenire dopo una segnalazione e poi basta!!!!!!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*