“Io, Massimo Zanello, Sindaco di Desio…”

.         Nome: Massimo

·         Cognome: Zanello

·         Età: quasi cinquantuno

·         Stato civile: sposato

·         Figli: Lorenzo e Beatrice

·         Titolo di studio: Liceo classico

·         Professione: Collaboratore Confcommercio Milano

·         Squadra del cuore: Milan

·         La tua frase del cuore:  Non c’è nulla da dire: c’è solo da essere, c’è solo da vivere.

·         Un pregio che ti riconosci: mi piace ascoltare e parlare insieme agli altri

·         Un difetto che ti riconosci: non sopporto gli stupidi, ogni tanto ci vorrebbe pazienza

·         L’angolo che più ami di Desio: da buon goloso direi piazza della Pesa, si mangia un ottimo gelato

·         Tre cose che ti porteresti su un’isola deserta: maschera e pinne, coltellino svizzero, il mio cane di quando ero bambino.

·         Un viaggio da sogno (che hai fatto o vorresti fare): Attraversare l’oceano in basrca a vela

·         Desio a misura di bambini…. come?
Sistemando e garantendo una costante manutenzione di giochi e giardinetti, mettere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali nelle vicinanze delle scuole e sostenere lo sport.

·         Il tuo programma per Desio in un tweet (140 battute): Commercio fonte di rilancio economico e creazione posti di lavoro, rinnovamento centro storico, cura periferie e manutenzioni ovunque.

·         Hai la bacchetta magica…. fai sparire 3 cose da Desio… i binari del tram, strade e marciapiedi dissestati, le code di desiani ai servizi sociali

·         Hai la bacchetta magica… fai comparire 3 cose a Desio… il ritorno della pallacanestro Aurora in seria A, un centro storico da fare invidia, posti di lavoro per chi non ne ha.

·         Se dico la parola profughi ti viene in mente: gente che lotta per la libertà del proprio paese senza scappare

·         Se dico la parola sicurezza ti viene in mente: una illuminazione adeguata

·         Un’idea per lo sport a Desio: Completamento della cittadella dello sport, con il potenziamento della piscina e delle strutture che servono per ospitare a Desio la nazionale di ginnastica ritmica.

·         Cos’è per te facebook, una minaccia o un’opportunità? Non lo uso molto. E’ di sicuro un’opportunità ma preferisco una bella stretta di mano e guardarsi negli occhi

·         Un grande evento che ti piacerebbe in Villa Tittoni:  Creare un percorso culturale che valorizzi e renda patrimonio UNESCO le architetture del Piermarini, come in Veneto hanno fatto col Palladio, contribuirebbe a renderla un evento permanente. Oltre a Villa Tittoni, di questo circuito farebbero parte anche la Villa Reale di Monza, il Palazzo Reale di Milano e il teatro alla Scala.

·         Se arrivasse un essere da Marte e gli dovessi spiegare Desio in poche parole: a Desio è nato un Papa, è stata pioniera nell’industria tessile, oggi aspetta un sindaco che la faccia decollare.

·         Libro sul comodino? “Secondo Matteo”, di Matteo Salvini e “I promessi sposi” di Manzoni, che mi piace rileggere ogni tanto.

·         A quale personaggio daresti la cittadinanza onoraria di Desio? Oriana Fallaci

·         Perchè votare per te: perché Desio è una città che conosco. Ho le esperienze e le energie per farla ripartire ed ho una visione tecnica e non faziosa dei tanti problemi da risolvere.

·         Un aggettivo per descrivere te e i tuoi 4 avversari
Corti: autoreferenziale
Gargiulo: avvocato
Montrasio: misteriosa
Smorta: tenace
Zanello: novità

·         Qual è la prima cosa che faresti da sindaco?  Incontrare gli interlocutori responsabili degli edifici dismessi in città e trovare una soluzione per recuperarli. Primo atto perché questo è sicuramente quello più lungo.

·         Ai desiani prometti solennemente che….? Il mio impegno non verrà a mancare e la mia porta sarà sempre aperta.

·         Cosa ne pensi di questa intervista? Divertente

Questo inserimento è stato pubblicato in L'artigiano del mese. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

21 Commenti

  1. antonio rosmini
    Pubblicato il 18 maggio 2016 alle 20:20 | Permalink

    un vecchio professionista della politica si autodefinisce una “novità”: nemmeno spiritoso
    punta sul commercio per rilanciare economicamente Desio: ma da dove arriva?
    paragona il Palladio al Piermarini: dovrebbe studiare di più
    (e mi fermo qui. per ora)

  2. Dario Hueller
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 06:08 | Permalink

    Buongiorno candidato sindaco.

    Mi presento per la seconda volta, il mio nome è Dario Hueller, la prima fu in Consiglio Comunale, con una bella stretta di mano. Per il momento abbiamo in comune solo la squadra di calcio del Milan, ma sicuramente altre cose potranno essere condivise, ne sono certo. Sono di origini Trentine (da parte di mamma, Ladina, della Val di Fassa e da parte di papà, valsuganotto, della Valsugana). Sono, mio malgrado, parte attiva della coalizione del centrosinistra. La mia vera ed unica vocazione è l’architettura, mi esprimo con il disegno e la progettualità. Avrà modo e tempo di conoscere ed apprezzare le mie architetture, i miei progetti.
    Perché le scrivo? E’ molto semplice, anch’io come lei, apprezzo la sincerità e la verità. Desidero approfondire e conoscere le sue idee in politica, la politica locale della nostra città. Ho letto inizialmente alcuni slogan elettorali, quali “tutti i parcheggi saranno gratuiti per i desiani” a pagina 45 del Giornale di Seregno – Desio (martedì 6 Aprile 2016). Perché non osare di più e “andare oltre” lo slogan elettorale? La proposta vincente sarebbe: tutti i parcheggi della città gratuiti nella 1^ ora (i primi 60 minuti), a pagamento allo scattare del sessantunesimo minuto. Significa, per chi si reca a fare la spesa nei negozi di vicinato (bar, calzolaio, abbigliamento, libreria, farmacia, ecc.) parcheggiare correttamente ed accontentare i commercianti, che finalmente non devono rincorrere i vigili per chiedere di togliere l’ingiusta multa per divieto di sosta. Altro punto, gli edifici dismessi: “il primo atto sarà incontrare gli interlocutori responsabili degli edifici dismessi in città e trovare una soluzione per recuperarli. Primo atto perché questo è sicuramente quello più lungo” a pagina 45 del Giornale di Seregno – Desio (martedì 6 Aprile 2016). A Desio abbiamo almeno 7 immobili dismessi: Centro Stile (proprietà privata), “Azienda di Servizi alla Persona Pio e Ninetta Gavazzi” (proprietà privata), compendio immobiliare ex Autobianchi denominato “La Torre del Polo di Eccellenza di Desio” (proprietà privata), la Tettoia Gavazzi, il Tribunale, l’agenzia delle Entrate, l’Agraria, ecc., sempre di proprietà privata, ad eccezione del Tribunale e della Agenzia Entrate. Il loro recupero funzionale o meglio, in alcuni casi, la loro demolizione per una destinazione urbanistica ed edilizia più consona ai tempi è, come dice lei, un percorso lungo. L’amministrazione comunale, del sindaco Roberto Corti, si è già mossa da tempo, e per tempo, ed è prossima alla conclusione positiva di alcune soluzioni urbanistiche. Gli investimenti nelle scuole: previsti investimenti nelle scuole, “portando a norma tutte le strutture e dialogando con i dirigenti per intervenire dove ci sono le necessità perché l’istruzione a Desio sia di alta qualità”. Anche in questo caso L’amministrazione comunale, del sindaco Roberto Corti, si è già mossa da tempo, e per tempo, con importanti lavori di manutenzione per 5 milioni di euro, toccando tutti gli edifici scolastici, dall’adeguamento antisismico ai rinforzi della muratura, dalla rimozione dell’amianto all’adeguamento alle norme igienico-sanitarie, dalla sostituzione e messa in sicurezza dei serramenti al rifacimento delle pavimentazioni. Per il momento mi fermo qui, non voglio togliere ulteriore spazio ad altri interlocutori interessati alla conoscenza del candidato sindaco Massimo Zanello. La saluto, arrivederci a presto e buona campagna elettorale. In bocca al lupo.

    Dario Hueller

  3. Claudio Fiore
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 07:56 | Permalink

    Ma Dario, la pastasciutta la preferisci con il sugo oppure con il ragù ?? A parte gli scherzi, il tuo intervento dimostra un paio di cosette strane. La prima è più probabile e’ che il Sindaco va per conto suo e non ascolta nessuno e di conseguenza la (2) tua presenza come quella di tutti gli altri non serve a nulla. Fa tutto lui. Infatti i parcheggi a pagamento sono aumentati. Nelle scuole piove dentro da anni e non avete fatto niente. Adesso mi vieni a raccontare che il piano di investimenti e’ da tempo pianificato? La Pio e Ninetta Gavazzi privata?? Ricordi cosa diceva il tuo Sindaco 5 anni fa in campagna elettorale ?? Cazzo. C’è l’avete nel sangue a stravolgere la realtà a vostro uso e consumo. E mi fermo qui.

  4. Dario Hueller
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 10:21 | Permalink

    Ciao Claudio…sto allo scherzo: preferisco i Canederli, asciutti con l’insalata ma anche con del condimento o in brodo (fine dello scherzo).

    Hai ragione, solamente, in merito alla “Azienda di Servizi alla Persona Pio e Ninetta Gavazzi” (proprietà privata). In effetti si tratta della Azienda Servizi alla Persona (ASP). Trattasi di Azienda Regionale, non Comunale!
    Hai sbagliato anche sulle tue affermazioni. Lo staff del sindaco Roberto Corti è coeso e unito. Tutti sanno di tutto, soltanto che non lo sventoliamo ai 4 venti (la notizia). Esiste una strategia, un lavoro di squadra, eseguito in modo egregio. Buon fine settimana (Weekend di sole)

  5. Tontolone?
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 11:24 | Permalink

    E con la questione morale? Che ha travolto Desio in questi anni? Con coloro che si candidano nella sua coalizione (forse) nel maldestro tentativo di risolvere i propri problemi (tipo chi ha cause con il comune)? Con i costruttori candidati in FI? Con il ritorno di Perri nell’agobe politico (di ieri un chiaro articolo su Nuova Brianza… Scusa Crisa ;-))?
    Con tutte queste cose, il sig. Zanello come la mette?

  6. giuseppe
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 12:16 | Permalink

    a me sembra che stiamo parlando di minestrone e quando gli ingredienti non sono scelti bene, il risultato non sempre e’ soddisfacente. Ognuno dei componenti il governo deve specializzarsi in qualche settore, magari riferire ai compagni, ma le risposte dovrebbero essere precise. Il Cittadino Desiano e’ pronto a capire e scegliere

  7. giulia
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 13:27 | Permalink

    signor zanello, nel caso non vincesse la vostra coalizione e lei risultasse all’opposizione, resterebbe in consiglio o lascerebbe la politica desiana per andare a concorrere per un paese con un monumento già patrimonio dell’unesco?

  8. Anonimo
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 13:31 | Permalink

    Ma se non scappano non sono profughi
    se sono profughi scappano……
    Ho capito…..La Lega li vuole fermi.

  9. Claudio Fiore
    Pubblicato il 19 maggio 2016 alle 21:47 | Permalink

    Caro Dario. Ti posso elencare i nomi di tutti i consiglieri che si sono ritrovati in consiglio comunale a votare qualcosa che non conoscevano neppure. Capisco che vuoi dare una parvenza di democrazia interna, ma ti chiedo una cortesia. Le coglionate raccontatele alla gente. Non fatelo con me. A proposito, sto ancora aspettando la denuncia della Ricchiuti. Sono passati 25 giorni.

  10. Fabrizio
    Pubblicato il 20 maggio 2016 alle 10:34 | Permalink

    L’aver accettato l’estrema destra nella coalizione, sarà una palla al piede per Zanello.

  11. luca
    Pubblicato il 20 maggio 2016 alle 16:40 | Permalink

    Quale sarebbe l’ estrema destra?
    Quella che ieri sera ha incontrato i cittadini delle case popolari, sposando in pieno i loro problemi e le loro battaglie?
    Quelli che mettono al primo posto i desiani?
    Sono questi i fascisti del 3 millennio? Ben vengano allora.
    Ne la nostra Desio non ci sono fascisti, ma gente per bene, gente che si spacca il culo da mattino a sera.
    Gente del popolo, che ama questa città, come la amiamo tutti.
    perciò silenzio! I fascisti sono morti nel 45

  12. fabrizio
    Pubblicato il 21 maggio 2016 alle 12:36 | Permalink

    Caro Luca, perchè Forza Nuova ha sentito il bisogno di mascherarsi dietro una lista civica ( La nostra desio)? Forse perchè, come sempre in passato, non l’avrebbe votata nessuno?
    L’estrema destra è un amo a cui la gente non abbocca più (problemi o meno).

  13. libero
    Pubblicato il 21 maggio 2016 alle 15:13 | Permalink

    “Avrà modo e tempo di conoscere ed apprezzare le mie architetture, i miei progetti….” non ci posso credere !!! Dico solo.. NON CI POSSO CREDERE.
    Caro Fiore, altro che coglionate… siamo un passo prima del DELIRIO.

    • Claudio Fiore
      Pubblicato il 22 maggio 2016 alle 07:55 | Permalink

      Perché non andate a confrontare il programma del Corti di 5 anni rispetto a ciò che è stato fatto. Ad esempio le scuole? Casa di riposo? Abusivismo? ( non quello della povera gente, ma quello vero ) e tanto altro che quotidianamente viene riscontrato dai cittadini. Il disparità di trattamento tra i Desiani e gli extracomunitari. Le abitazioni per i profughi. Sempre negate ma poi ampiamente giustificate. Etc Etc.

  14. american sniper
    Pubblicato il 21 maggio 2016 alle 17:19 | Permalink

    Luca è un alieno . Chi cazzo vuoi prendere per il naso , chiaramente è un eufemismo in confronto a ciò che vorrei dirti . Sei un poveretto , sia di idee che di contenuti .

  15. giulia
    Pubblicato il 23 maggio 2016 alle 14:45 | Permalink

    ma davvero c’è qualcuno che pensa che il problema siano i voti che arrivano dall’estrema destra? ve la siete dimenticati tutti la ‘ndrangheta? ve li siete dimenticati i danni fatti dagli amici degli amici? le palazzine senza agibilità che non possono essere vendute dai legittimi proprietari? gli inutili 25 piani della torre? il tracciato di pedemontana che attraversa desio? com’è che a seregno è bastato dire “no, grazie” e a desio pedemontana spa ha previsto lo svincolo più grande d’europa, l’area di servizio comprensiva del deposito mezzi per lo spargimento di sale e l’autogrill, nonché la palazzina uffici di pedemontana stessa? un tracciato di otto corsie, scavando tra i terreni mai bonificati dalla diossina dell’icmesa. e cosa volete di più? tanto si parla di politica, giusto? basta fare il tifo per uno o per l’altro ed è uguale. basta fare il tifo, mica pensare.

  16. Fabrizio
    Pubblicato il 25 maggio 2016 alle 08:12 | Permalink

    I voti dell’estrema destra sono un “aggravio” dei problemi. E’ come cercare di guarire una ferita con l’acido muriatico.

  17. giulia
    Pubblicato il 25 maggio 2016 alle 14:02 | Permalink

    questi i dati del 2011. tanto per dire l’estrema destra..

    http://85.36.217.21/elezioni08/elezioni11/comunali/htm/index.htm

  18. giulia
    Pubblicato il 8 giugno 2016 alle 08:20 | Permalink

    le 485 preferenze sono arrivate, come da copione. ora cosa farà, caro zanello? ce lo dica chiaramente prima del ballottaggio.

  19. pravda55
    Pubblicato il 9 giugno 2016 alle 18:41 | Permalink

    Chi ha preso 485 preferenze? Einstein?

  20. fabrizio
    Pubblicato il 22 giugno 2016 alle 08:55 | Permalink

    Però è strano che un politico navigato come Zanello abbia accettato di guidare un gruppo disastrato come il Centrodestra desiano…

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*