• IL CAMP A MISURA DI BAMBINO

    IL CAMP A MISURA DI BAMBINO

    IL CAMP MULTISPORT-MULTIDIVERTIMENTO
    PIU' INNOVATIVO E COINVOLGENTE DELLA BRIANZA....pronto a ripartire LUNEDI 13 GIUGNO FINO A FINE LUGLIO!
    Hai già iscritto il tuo bambino e la tua bambina dai 5 ai 13 anni?

    Scrivimi su info@tikitakacamp.it per qualsiasi informazione.
    Vi aspetto! alessandro

“Io, Roberto Corti, Sindaco di Desio…”

Ma qualcuno, anche tra i suoi scudieri, inizierebbe ad avere dei dubbi

Nome Roberto

Cognome Corti

Età 44

Stato civile sposato con Eleonora

Figli Carolina e Agnese

Titolo di studio LAUREA INGEGNERIA MECCANICA

Professione IMPIEGATO IN ASPETTATIVA PER L’INCARICO DI SINDACO

Squadra del cuore se si parla di calcio, la Juventus

La tua frase del cuore ama e fa ciò che vuoi

Un pregio che ti riconosci la pignoleria

Un difetto che ti riconosci la pignoleria

L’angolo che più ami di Desio piazza Castello

Tre cose che ti porteresti su un’isola deserta la mia famiglia, un impianto di potabilizzazione per l’acqua e dei semi: bisogna continuare a vivere!

Un viaggio da sogno (che hai fatto o vorresti fare) Messico: mi affascinano le civiltà precolombiane (da fare)

Desio a misura di bambini…. come? Parchi, piste ciclabili, scuole tecnologiche, spazi per lo sport

Il tuo programma per Desio in un tweet (140 battute) Completare il cammino intrapreso, fatto di partecipazione, inclusione, tutela dell’ambiente e solidarietà, ovvero: “stare bene insieme”.

Hai la bacchetta magica…. fai sparire 3 cose da Desio… la torre Addamiano, la Pedemontana, le diseguaglianze.

Hai la bacchetta magica… fai comparire 3 cose a Desio… un centro di ricerca e sviluppo che ospiti start-up innovative e che possa generare lavoro grazie a nuove aziende di successo, le scuole di Desio completamente ristrutturate, tecnologiche ed ecosostenibili, l’Aurora basket in serie A

Se dico la parola profughi ti viene in mente… la guerra dalla quale fuggono

Se dico la parola sicurezza ti viene in mente… una rete solidale tra cittadini e istituzioni.

Un’idea per lo sport a Desio… rilanciare il centro sportivo, ultimo pezzo che manca alla cittadella dello sport (Palabancodesio, Piscina ampliata e palestra della nazionale di ritmica sono ormai avviati e/o rilanciati)

Cos’è per te facebook, una minaccia o un’opportunità? Un’opportunità, come sempre, se ben usata

Un grande evento che ti piacerebbe in Villa Tittoni….con tutti quelli che abbiamo fatto in questi cinque anni, dovrebbe essere una cosa eccezionale tipo un concerto dei Pink Floyd o dei Rolling Stones

Se arrivasse un essere da Marte e gli dovessi spiegare Desio in poche parole: questa è la città dove…la gente ha imparato di nuovo a “vivere bene insieme” e c’è posto anche per te!.

Libro sul comodino? Il piccolo principe

A quale personaggio daresti la cittadinanza onoraria di Desio? PAPA FRANCESCO per il suo impegno contro tutti i tipi di discriminazioni

Perchè votare per te? perché conosco Desio come le mie tasche ed il cambiamento che assieme abbiamo avviato, nei prossimi cinque anni migliorerà ancora di più il suo volto ed il nostro modo di vivere

Un aggettivo per descrivere te e i tuoi 4 avversari

Corti: concreto

Gargiulo: conservatore

Montrasio: tranquilla

Smorta: inaffidabile

Zanello: estraneo

Qual è la prima cosa che faresti da sindaco? Proseguire nel lavoro già iniziato

Ai desiani prometti solennemente che….? continuerò ad impegnarmi anima e corpo per la nostra Desio, come fatto in questi ultimi cinque anni

Cosa ne pensi di questa intervista? Al passo con i tempi

Pubblicato in politica | 13 Repliche

“Io, Simone Gargiulo, Sindaco di Desio…”

gargiulo

Nome SIMONE

Cognome GARGIULO

Età 43 (44 a luglio)

Stato civile celibe (felicemente convivente con Giovanna dal 2001)

Figli Elisa 9 anni Filippo 3 anni

Titolo di studio laurea in giurisprudenza

Professione AVVOCATO

Squadra del cuore INTER

La tua frase del cuore “ho imparato che un uomo ha diritto di guardare dall’alto in basso un altro uomo solo per aiutarlo a rimettersi in piedi”

Un pregio che ti riconosci FRANCHEZZA

Un difetto che ti riconosci FRANCHEZZA

L’angolo che più ami di Desio: sono affezionato al Liceo Majorana e alle panchine dove abbiamo trascorso periodi spensierati di gioventù. A livello di bellezze architettoniche la Torre del Palagi

Tre cose che ti porteresti su un’isola deserta: una foto della mia famiglia, una radio (a carica solare :) e una cassa piena di libri.

Un viaggio da sogno (che hai fatto o vorresti fare): sono innamorato di Parigi, mi piacerebbe andare negli Stati Uniti a visitare i grandi parchi

Desio a misura di bambini…. come? Più piste ciclabili, zona pedonale ben “arredata” più strutture sportive, giardinetti attrezzati con giochi a misura di bambino.

Il tuo programma per Desio in un tweet (140 battute)

METTERE I CITTADINI AL CENTRO AL POSTO DEI PARTITI, PIÙ INVESTIMENTI IN INFRASTRUTTURE E SICUREZZA, MENO SPESA CORRENTE.

Hai la bacchetta magica…. fai sparire 3 cose da Desio..

ROTAIE DEL TRAM, CENTRO STILE, CANTIERI FERMI

Hai la bacchetta magica… fai comparire 3 cose a Desio…

ILLUMINAZIONE PUBBLICA DIFFUSA, UNA BELLA ZONA PEDONALE IN CENTRO, LA TORRE ADDAMIANO FINITA E DEDICATA AD UN BEL PROGETTO.

Se dico la parola profughi ti viene in mente…ESSERI UMANI CHE VANNO AIUTATI

Se dico la parola sicurezza ti viene in mente…CHE NON É STATO FATTO ALCUN MIGLIORAMENTO…ANZI… E CHE É PRIORITÀ SULLA QUALE LAVORARE DAL GIORNO “1”

Un’idea per lo sport a Desio…PIÙ STRUTTURE PER PERMETTERE A PIÙ RAGAZZI DI FARE PIÙ SPORT PER PIÙ ORE RISPETTO AD OGGI. SOSTEGNO A FAMIGLIE CHE HANNO DIFFICOLTÀ E NON RIESCONO AD ISCRIVERE BAMBINI AI CORSI.

Cos’è per te facebook, una minaccia o un’opportunità? Se usata nei dovuti modi sicuramente una OPPORTUNITÀ

Un grande evento che ti piacerebbe in Villa Tittoni….UNA MOSTRA D’ARTE IMPORTANTE, COORDINATA DA UN CRITICO FAMOSO.

Se arrivasse un essere da Marte e gli dovessi spiegare Desio in poche parole: questa è la città dove…VIVE TANTA GENTE ONESTA CON VOGLIA DI FARE E DI CAMBIARE ED È PER QUESTO CHE MI SONO MESSO A LORO DISPOSIZIONE CON LA MIA CANDIDATURA.

Libro sul comodino? IL PICCOLO PRINCIPE

A quale personaggio daresti la cittadinanza onoraria di Desio? JOHN DEVEREAUX 🏀(cestista aurora desio 1985-1986… Che tempi!)

Perchè votare per te? PERCHÉ NON SONO UN POLITICO DI PROFESSIONE, MA UN CITTADINO CHE AMA DESIO, SA QUELLO CHE LE SERVE ED É PREPARATO AD AMMINISTRARLA. SONO PRONTO AD ASCOLTARE, HO UN GRUPPO DI PERSONE PREPARATE, MOTIVATE E LA SOLA AMBIZIONE CHE HO É QUELLA DI FARE CIÒ CHE SERVE A DESIO SENZA BADARE AI “COLORI” MA SOLO ALLE SOLUZIONI.

Un aggettivo per descrivere te e i tuoi 4 avversari

Corti: passato

Montrasio: indecifrabile

Smorta: egocentrico

Zanello: politico

Qual è la prima cosa che faresti da sindaco? INCONTREREI PER CONOSCERLI PERSONALMENTE TUTTE LE PERSONE CHE LAVORANO PER IL COMUNE (dipendenti, dirigenti ecc) AL FINE DI STABILIRE IL GIUSTO RAPPORTO DI SINTONIA CHE É POSSIBILE SOLO CON LA CONOSCENZA RECIPROCA ED IL RISPETTO DELLE POSIZIONI E COMPETENZE DI CIASCUNO.

SUBITO DOPO, INCONTREREI I COMITATI DI QUARTIERE E LE ASSOCIAZIONI PER SCRIVERE ASSIEME LA LISTA DELLE PRIORITÀ VERE DI QUESTA CITTÀ ED INIZIARE AD INDIRIZZARE SU DI ESSE LE RISORSE DEL BILANCIO

Ai desiani prometti solennemente che….? LI ASCOLTERÒ, LI INCONTRERÒ SEMPRE. SPIEGHERÒ LORO TUTTE LE DECISIONI, DIRÒ QUELLO CHE FARÒ E FARÒ QUELLO CHE DICO.

Cosa ne pensi di questa intervista?
FORSE COSÌ SINTETICAMENTE É DIFFICILE ESPRIMERE TUTTA LA CARICA E L’ENERGIA PROPOSITIVA DELLA QUALE DISPONIAMO IO E IL GRUPPO DELLA LISTA

 

Pubblicato in L'artigiano del mese | 36 Repliche

“Io, Sara Montrasio, Sindaco di Desio…”

Sara Montrasio

Inauguriamo le interviste “Made in Desio” per conoscere i 5 candidati Sindaci.
Apre Sara Montrasio, Movimento 5 Stelle.

Nome: Sara

Cognome: Montrasio

Età: 50

Stato civile: coniugata, militesente

Figli: Davide, 10 anni

Titolo di studio: Maturità scientifica e diploma in Grafica superiore

Professione: Responsabile comunicazione

Squadra del cuore: Milan (per un fattore ereditario)

La tua frase del cuore: Fatti non foste a viver come bruti

Un pregio che ti riconosci: Il pensiero laterale

Un difetto che ti riconosci: Non sono capace di stirare

L’angolo che più ami di Desio: Più che un angolo uno scorcio: i campi coltivati sulla strada per Bovisio, sia quando cresce il grano e fioriscono i papaveri, che dopo la mietitura con le balle di fieno sparse

Tre cose che ti porteresti su un’isola deserta: il wi-fi, carta e penna, il profumo di ambra

Un viaggio da sogno (che hai fatto o vorresti fare)
Ho attraversato la Baja California (una penisola del Messico) da Nord a Sud e ritorno, a bordo di un maggiolone, passando per il deserto, le saline e toccando due mari: il Pacifico e il Mar di Cortez. Cactus e pellicani, antiche missioni e leoni marini, paesaggi da National Geographic

Desio a misura di bambini… come?
Meno inquinamento, strade meno pericolose, parchi gioco diversi dal solito che stimolino la fantasia, spazi coperti dove giocare in inverno

Il tuo programma per Desio in un tweet (140 battute)
Far stare meglio la gente, sia nel senso della salute (inquinamento, stile di vita) che di creare un ambiente più confortevole in cui vivere

Hai la bacchetta magica… fai sparire 3 cose da Desio…
L’inceneritore, le barriere architettoniche, la diffidenza

Hai la bacchetta magica… fai comparire 3 cose a Desio…
Un impianto di trattamento rifiuti pulito (al posto dell’inceneritore che ho fatto sparire), nuovi posti di lavoro, il mare

Se dico la parola profughi ti viene in mente…
La disperazione

Se dico la parola sicurezza ti viene in mente…
Illuminazione, pulizia, forze dell’ordine messe in condizione di lavorare al meglio

Un’idea per lo sport a Desio…
Riunire più discipline sportive sotto un’unica bandiera desiana, per dare un grande senso di appartenenza e unità, qualunque sia lo sport che si pratica

Cos’è per te facebook, una minaccia o un’opportunità?
Sicuramente un’opportunità per parlare con la gente, esprimere un’opinione, mantenere contatti con persone lontane o che non si ha più occasione di frequentare

Un grande evento che ti piacerebbe in Villa Tittoni…
Mi piacerebbe che la Villa diventasse il set di un film, magari storico, con tanti desiani coinvolti

Se arrivasse un essere da Marte e gli dovessi spiegare Desio in poche parole: questa è la città dove…
Dove servirebbe il teletrasporto (i marziani dovrebbero già averlo), così ci risparmieremmo il traffico, l’inefficienza dei mezzi pubblici e l’orrida Pedemontana

Libro sul comodino?
Il Testo Unico degli Enti Locali

A quale personaggio daresti la cittadinanza onoraria di Desio?
Mark Zuckerberg

Perché votare per te?
Perché ho le mani libere

Un aggettivo per descrivere te e i tuoi 4 avversari

Corti: secchione

Gargiulo: fotogenico

Montrasio: femminile

Smorta: ottimista

Zanello: spaesato

Qual è la prima cosa che faresti da sindaco?
Un piccolo progetto per ogni quartiere, concordato con i cittadini, per dare un assaggio di quello che si può fare lavorando insieme. E contemporaneamente proporrei la modifica del regolamento del consiglio comunale per renderlo più produttivo.

Ai desiani prometti solennemente che…?
Lavorerò tanto, come sono abituata a fare

Cosa ne pensi di questa intervista?
Che mi ha dato modo di riflettere una volta di più sul mio rapporto con Desio, quindi è stato tempo speso bene.

Pubblicato in L'artigiano del mese | 12 Repliche

“Il mio controcanto sul Bilancio”. Come sempre, con Garbo

Ricevo e pubblico

ANCHE NEL 2015 TROPPE TASSE POCHE OPERE

Il 2015 è stato l’anno “ peggiore” per i contribuenti desiani con un ulteriore incremento della imposizione fiscale che ha raggiunto il massimo record storico tra imposte e tasse decise dal Comune.

La TASI – brutalmente applicata come patrimoniale solo ai proprietari della 1° casa, ha generato un gettito di oltre 3,5 milioni,ancora 100 mila in più rispetto alle previsioni per il 2015 e ben 700 mila in più rispetto agli attesi 2,8 milioni del 2014,quando venne impostata. Hanno pagato di più le famiglie con figli e rendite catastali basse, perché è stata tolta la detrazione di 50€ per ogni figlio a carico e quella fissa di 200€ per la 1° casa, rispetto alle modalità della equivalente precedente IMU sull’abitazione principale.

L’addizionale IRPEF, già alzata notevolmente nel 2012, ha dato un gettito che supera i 3 milioni , 200 mila in più rispetto all’anno prima,nonostante la contrazione del PIL.

Nuovo record comunale per l’IMU arrivata a 6,3 milioni. I desiani hanno pagato complessivamente 12 milioni di IMU sulle seconde case, terreni e beni strumentali alla produzione, compresa la parte dello Stato,che solo in parte alimenta poi il fondo di solidarietà comunale.Erano 6 milioni nel 2010, quando c’era l’ICI. In totale le imposte comunali sono arrivate a 14 milioni, erano attorno ai 9 milioni nel quinquennio Mariani.

La TARI, la tassa sui rifiuti, ha generato un gettito di 4,4 milioni: 300 mila in più del 2013,quando venne rimodulata,mentre il servizio di raccolta,smaltimento e pulizia peggiora per efficacia. Le tasse comunali aumentano a 5,4 milioni, erano 4,5 nel 2010.

Imposte e tasse comunali arrivano a sfiorare i 20 milioni, erano 13,5 nel 2009.. Non sono stati” restituiti” tutti gli accertamenti da evasione sugli esercizi precedenti, nonostante il principio che la tassa deve pareggiare il costo. Il sacrosanto recupero da evasione sulla TARSU e IMU andrebbe in qualche modo restituito a quanti hanno pagato il giusto.

Il prelievo fiscale comunale è aumentata a fronte di nessun reale contenimento della spesa corrente e,invece, di una forte e costante contrazione della spesa in lavori pubblici, che non può essere adeguatamente sostenuta perché non si fanno alienazioni del patrimonio pubblico, inutilizzato e abbandonato.

Sono stati bassissimi gli investimenti pubblici e privati , derivati dalla teorizzazione ideologica della “crescita zero”,con solo 800mila euro incassati dagli oneri di urbanizzazione La spesa corrente è praticamente la stessa, per quantità, servizi e funzioni (attorno ai 28 milioni), della tanto criticata gestione Mariani, senza alcuna evidenza della propagandata discontinuità. Particolarmente grave è la diminuzione reale della spesa in conto capitale, quella dei lavori pubblici e della manutenzione delle strade,del verde e del patrimonio con solo 1,4 milioni di pagamenti nella competenza 2015 . Il “libro dei sogni” delle opere pubbliche, da 5 anni annunciate, non si è realizzato neanche nel 2015 perché non sono entrati i soldi necessari previsti dalle cessioni di immobili e terreni,che non si sono fatti.

Nessuna significativa opera è stata realizzata nel quinquennio Corti. Tanto rumore di propaganda per nulla di fatto. La gestione Corti si è dunque caratterizzata solo per il forte aumento delle tasse locali, senza nulla aver prodotto nella riqualificazione della spesa corrente e nell’investimento in lavori pubblici. Troppo è stato richiesto ai cittadini, in testa le famiglie, penalizzate su tutti i fronti a partire dalle rette sulle scuole materne e dalle tariffe sui servizi di pubblica utilità tutte aumentate.. Troppo poco è stato loro restituito in termini di servizi ed opere per la crescita di una città in crisi permanente, aggravata da un peso fiscale troppo alto che porta alla chiusura di diverse attività produttive.

Tiziano Garbo,già candidato sindaco UDC,PdL,Lista Civica Foti

Pubblicato in dibattiti | 11 Repliche

Mamma, papà, porta i tuoi bambini a giocare con noi! #risplendelaurora

Se hai un bambino o una bambina dai 5 anni in su e vuoi fargli provare una esperienza di gioco, divertimento e sport unica, con un progetto inclusivo senza eguali…. scrivimi alessandrocrisafulli@libero.it e scoprirai il Piacere Aurora.

Garantisco io 😉 Alessandro

Crescere è un gioco

Un progetto innovativo. Per certi versi rivoluzionario. Che vuole, nel suo piccolo, iniziare a cambiare, dalle fondamenta, il calcio giovanile brianzolo, lombardo e italiano. Andando a mettere in fuorigioco – con una serie di proposte, servizi, attività formative ed educative – quelli che sono i mali storici di questo mondo: allenatori impreparati e inadeguati sotto il profilo pedagogico per la crescita psico-fisica dei bambini; società fabbriche di giocatori che selezionano e modellano i bambini come fossero “pezzi” da sfornare; genitori-ultras che rovinano il clima dentro e fuori dal campo; metodologie di allenamento e di gioco vecchie e controproducenti; carenza di cultura sportiva, di fair play ed etica.

Il progetto si chiama #Risplendelaurora e riguarda la storica società desiana, che da 94 anni dà sfogo alla passione per il calcio di migliaia di bambini e giovani della città e della zona. A idearlo i nuovi responsabili del Settore Giovanile, con il partner Brianzatornei. Il piano strategico – destinato a far parlare molto di sé – sarà presentato ufficialmente martedì 3 maggio, alle 20.30 in Sala Pertini, nel Comune di Desio. Un appuntamento al quale sono invitati tutti i genitori dei circa 80 ragazzi attualmente nel vivaio ma anche tutte le mamme e i papà con bambini dai 5 anni in su, intenzionati a sposare…Aurora e il suo progetto. Bambine, certo, perchè una delle direttrici sarà anche quella di valorizzare il calcio come sport femminile, adatto per le piccole che vogliono integrarsi con i maschietti. “Un calcio totalmente senza barriere. Un calcio a misura di bambino e una società al servizio delle famiglie”: sono queste le linee guida del modello Aurora. Un modello che avrà fortissimo radicamento territoriale ma anche apertura al mondo, con qualche sorpresa internazionale già in cantiere. Alcune delle parole chiave del progetto sono #innovazione #valori #solidarietà #formazione #inclusione #qualità. “Non abbiamo sponsor, abbiamo idee – è lo slogan scelto dai nuovi responsabili -. Non ci fermiamo sui problemi, troviamo le soluzioni. Non guardiamo né al dito né alla luna: cerchiamo di aprire nuovi orizzonti”. Un progetto ambizioso, che sta già destando molta curiosità. Qualche indizio si può già trovare sul nuovo sito www.auroradesiosettoregiovanile.it o sulla pagina Facebook. Ma solo il 3 maggio si conosceranno i dettagli sorprendenti. Intanto, si possono già prenotare degli allenamenti di prova auroradesiosettoregiovanile@gmail.com .


aurora foto3

Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

Cavoli che notizia! Il comune taglia l’erba…iuuuuuu!

Il nuovo Ufficio Stampa del Sindaco Roberto Corti per la campagna elettorale ci invia questo comunicato

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEL VERDE PUBBLICO

I lavori di sfalcio dell’erba nel nostro Comune sono iniziati una decina di giorni fa, seguendo un programma di priorità: si sono concentrati inizialmente sulle aree centrali della città e sul Parco di Villa Tittoni, per spostarsi successivamente nei pressi degli incroci da mettere in sicurezza per questioni di visibilità e poi proseguire in questi giorni presso scuole, asili, parchi gioco e, parallelamente, sulle strade.

Sono attualmente all’opera tre squadre di operai e da venerdì 22 aprile se ne aggiungerà una quarta.

I lavori di manutenzione ordinaria del verde pubblico andranno avanti ininterrottamente ed occorreranno circa 3-4 settimane per completare il primo giro manutentivo, poi, proseguiranno in continuità per tutta la stagione estiva, in base alle necessità di taglio e alle condizioni meteo.

Il servizio di manutenzione delle aree verdi del Comune di Desio, gestisce tutte le attività necessarie per mantenere in efficienza le aree pubbliche sotto il profilo della sicurezza, dell’igiene, della funzionalità, della fruizione e del decoro estetico.

Le lavorazioni routinarie previste sono: lo sfalcio dell’erba, la potatura di siepi, il diserbo, il taglio della vegetazione spontanea di banchine a bordo strada, interventi su parchi e giardini delle scuole, potature delle aiuole, etc…

700.000mq di aree verdi censite in città, 10.400 alberi nell’anagrafe del verde, rappresentano un patrimonio ambientale di straordinaria portata per una città come Desio, patrimonio fortemente tutelato dalla nostra Amministrazione, ma che richiede notevoli investimenti, cure e attenzione.

Si calcola in media che, per una tale quantità di verde pubblico, serva un investimento di circa 700.000 euro annui. Tenendo conto di questo dato e considerando che la spesa storica del nostro comune, in media, si è assestata sui 350.000€, risulta ancora più comprensibile lo sforzo della mia amministrazione che ha portato la cifra a 420mila euro e punta, con il prossimo bando di gara di gestione pluriennale del verde, ad aumentare ulteriormente, le prestazioni erogate.

“Una città – dichiara il sindaco Corti – non può vivere di sola edilizia ed occupazione di spazi liberi con abitazioni, per soddisfare spesso gli appetiti economici di pochi. Noi abbiamo cambiato registro, consapevoli che il verde, conservato, curato e fruibile, è una ricchezza per la città. Costruire la città verde non è semplice, implica onori e oneri, bisogna investirci risorse e avere prospettiva, anche grazie alla piantumazione di oltre 15.000 alberi su 100.000mq di terreno, siamo sicuri di essere nella giusta direzione”.

Roberto Corti

SINDACO DI DESIO

Pubblicato in L'artigiano del mese | 24 Repliche

Dalle Banche…a Di Maio. Con i 5 Stelle.

Ricevo e pubblico

image3.JPG

Sabato sera in Sala Pertini si è svolto un incontro molto interessante e partecipato con Elio Lannutti, Presidente Adusbef, e i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Daniele Pesco e Dino Alberti (in Commissione Finanze alla Camera dei Deputati) che hanno spiegato in maniera semplice e comprensibile a tutti i complessi meccanismi alla base del cosiddetto “Decreto Salvabanche”, cosa cambia in seguito all’introduzione del “Bail in” e quali sono i rischi per i risparmiatori.
Elio Lannutti, con il suo stile comunicativo sempre molto coinvolgente, ha parlato di come abbiamo perso la nostra sovranità monetaria e di quanto Bankitalia, che dovrebbe vigilare sulle banche in modo indipendente, in realtà faccia gli interessi delle banche private invece che dei cittadini.

Sono seguite numerose domande da un pubblico attento e preoccupato per la situazione del risparmio.
La serata è stata organizzata dal gruppo M5S di Desio, insieme al portavoce desiano Davide Tripiedi e al suo collega in Commissione Lavoro Claudio Cominardi ed è stata presentata da Sara Montrasio, candidato sindaco M5S di Desio, che ha dato appuntamento per i prossimi eventi: avremo presto ospite il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio per un inedito confronto con i cittadini.
Movimento 5 Stelle Desio
Pubblicato in politica | Scrivi un commento

Forno inceneritore, la Lega dice che…

Ricevo e pubblico dalla Lega Nord Desio

L’Assessore regionale all’ambiente Claudia Terzi è disponibile ad un incontro con il comune di Desio e i comuni limitrofi, coinvolti dalla presenza dell’inceneritore, per avviare la realizzazione di un protocollo che abbia come scopo quello di effettuare un monitoraggio approfondito della qualità dell’aria e delle diossine presenti nel territorio di Desio.

L’esigenza di avere dei dati da valutare è emersa in più occasioni nel corso del dibattito politico locale, e la Lega Nord – dall’opposizione – ha sempre fatto la sua parte.

La nostra proposta chiedeva a Regione Lombardia di attivarsi alla realizzazione di un protocollo, come quello siglato con i comuni di Parona e Filago, per realizzare uno studio epidemiologico sulla popolazione nell’area di ricaduta fumi del termovalorizzatore di BEA e un monitoraggio della qualità dell’aria.

“Apprendiamo con piacere la disponibilità da parte dell’assessore Claudia Terzi e rivendichiamo con orgoglio il fatto che grazie alla nostra azione propositiva si sia arrivati ad avere questa disponibilità”, ha dichiarato Martina Cambiaghi, responsabile degli Enti Locali Lega Nord. “E’ un passo avanti importante. Ora servirà un tavolo di coordinamento tra tutti gli enti interessati, che ci auspichiamo venga convocato e coordinato da di Desio. Del resto, il nostro comune ospita l’inceneritore ed è il proponente di questa iniziativa: assumere questo ruolo sarebbe un  un atto di maturità politica ed amministrativa”.

Pubblicato in L'artigiano del mese | 9 Repliche

Fumata bianca. Massimo Zanello, candidato del centrodestra. Che ne pensi?

L’ufficialità arriverà solo a fine settimana, ma ormai la scelta è fatta. Il centrodestra correrà unito con Massimo Zanello candidato. Qui sotto la presentazione che lui stesso fa di sè, sul suo profilo linkedin.

Che ne pensate? Scelta giusta? Può competere per vincere? Conta più l’esperienza politica (lunga e articolata) o la conoscenza della città (che non essendo desiano non può certo avere)?

Sono nato a Milano il 14 settembre 1965, sono padre di due figli, Lorenzo e Beatrice di 13 e 15 anni.
Dal 1988 al 1994 sono stato consigliere comunale a Villa Cortese (MI), dove dal 1993 al 1994 ho ricoperto la carica di Assessore comunale al Bilancio. Dal 1990 al 1995 sono stato consigliere provinciale a Milano, ricoprendo dal 1994 al 1995 la carica di Presidente della Provincia di Milano.Nel 1995 sono stato nominato anche Assessore al Commercio nel Comune di Milano. Consigliere regionale dal 1995, eletto nel collegio di Milano, nella sesta legislatura ho fatto parte delle Commissioni ‘Programmazione e Bilancio’ e ‘Sviluppo economico’, della Commissione speciale per l’attuazione delle ‘Leggi Bassanini’ e della Commissione d’inchiesta sulla discarica di Cerro Maggiore.
Nel 2000 sono stato rieletto consigliere regionale nella circoscrizione di Milano, ed ho ricoperto per l’intera legislatura l’incarico di Assessore regionale con delega all’industria, alla piccola e media impresa e alla cooperazione.
Candidato nuovamente alle elezioni regionali del 2005 nella circoscrizione di Monza e Brianza, sono stato riconfermato in Consiglio regionale nelle file della Lega Nord, Presidente del gruppo consiliare.
Dal 7 luglio 2006 sono Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia.

La musica che preferisco è suonata da Vasco Rossi e dai Dire Straits, ‘Le vite degli altri’ e ‘Il gladiatore’ sono i film che rivedo con maggiore piacere.

Pubblicato in dibattiti, politica | 39 Repliche

Gioca reale non virtuale! Bambini schiavi dei videogames: come liberarli?

bambini schiavi

Sono sempre più i bambini “zombie” che camminano per le nostre strade, che popolano le nostre famiglie, che spesso si rinchiudono nelle loro stanze. Bambini nativi digitali, ma che del digitale rischiano anche di diventare schiavi.

Spesso di un videogames. Di quello che dovrebbe essere solo un gioco, invece diventa un tiranno. Che con i suoi diabolici meccanismi di fidelizzazione ti fagocita. Ti ruba il tempo, gli interessi, la creatività, la serenità.

Si stima che il 4% – 6% dei preadolescenti ed adolescenti sia affetto da un disturbo di dipendenza da Internet. In primis da videogiochi, seguita a distanza da social network e da pornografia online. I sintomi di solito sono il calo del rendimento scolastico, il ritiro nella propria stanza, la perdita di interesse per sport e hobby, l’aggressività nei confronti dei genitori.

Di questa piaga dilagante si parlerà lunedì 18 aprile alle 20.30, in Sala Pertini a Desio, per il terzo incontro promosso dalla Tiki Taka Academy in collaborazione con il Comune. Titolo della serata, “Gioca reale non virtuale! Lo sport come antidoto contro la dipendenza digitale dei bambini”.

A condurre la serata, aperta ad allenatori, educatori, ma anche e soprattutto alle famiglie, alle associazioni, al mondo della scuola e a tutti coloro che hanno a che fare con i ragazzi, sarà il dottor Paolo Giovannelli, psichiatra e psicoterapeuta, docente della Statale, che ha fondato a Milano il primo “Centro per i disturbi da uso di internet”: una realtà unica in tutto il Nord, con sei specialisti interni e 20 collaboratori sul territorio, che spazia dalla dipendenza da cellulare a quella dal sesso virtuale, dalle ludopatie alla dipendenza da Facebook, dallo shopping compulsivo online fino, appunto, alla dipendenza da videogiochi.

Quali sono i sintomi a cui fare attenzione? Quali i campanelli d’allarme? Quali le età e le situazioni più a rischio? Quali sono i videogiochi più pericolosi? Come bisogna agire, da genitori? Come indirizzarli verso altre attività più formative? “In Paesi più avanzati tecnologicamente è successo che ragazzi connessi ininterrottamente per 24,30, 40 ore siano arrivati al collasso, alla morte”, è il monito dello specialista, uno dei maggiori esperti in Italia.

A stimolare il dibattito, coinvolgendo i genitori, ci sarà anche Eugenia Del Prete, pedagogista. Hashtag della serata, che sarà anche in diretta live sul canale twitter del Tiki Taka Camp #GiocaRealeNonVirtuale

Pubblicato in dibattiti, giovani | Scrivi un commento