• IL CAMP A MISURA DI BAMBINO

    IL CAMP A MISURA DI BAMBINO

    IL CAMP MULTISPORT-MULTIDIVERTIMENTO
    PIU' INNOVATIVO E COINVOLGENTE DELLA BRIANZA....pronto a ripartire LUNEDI 13 GIUGNO FINO A FINE LUGLIO!
    Hai già iscritto il tuo bambino e la tua bambina dai 5 ai 13 anni?

    Scrivimi su info@tikitakacamp.it per qualsiasi informazione.
    Vi aspetto! alessandro

Devastazione Polo Universitario: Interrogazione al Ministro dell’Interno

Ricevo e pubblico dalla Segreteria dell’onorevole Farina del PDL.

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro dell’Interno per sapere – premesso che:

un grave atto criminale è stato perpetrato a Desio nei giorni scorsi. Essendo stata colpita, con meticolosa opera di devastazione, una struttura pubblica comunale, oltretutto destinata a sede di corsi universitari e formativi, il delitto è stato avvertito come atto di sfregio e di intimidazione contro la cittadinanza. Come riferiscono le cronache locali dei quotidiani: “Quattromila metri quadrati completamenti devastati con danni che ammontano a centinaia di migliaia di euro. E l’ipotesi dell’atto vandalico è stata scartata. La notte scorsa una squadra di esperti, con modalità e procedure studiate, ha devastato il capannone di proprietà del Comune di Desio nell’area del Polo tecnologico della Brianza, ex area Autobianchi. Armati di mazze, trancia fili e chiavi inglesi hanno distrutto arredi, fotocopiatrici, lampade e sensori di emergenza, tranciando i cavi dell’impianto di allarme e allagando i tre piani dell’edificio con gli idranti, togliendo persino i sifoni degli scarichi dei lavandini. L’acqua ha devastato i controsoffitti che sono crollati e i pavimenti che si sono sollevati. I Carabinieri di Desio indagano. L’ipotesi è che si tratti di un atto premeditato e pianificato. Forse un avvertimento. Ma chi ce l’ha con il Comune di Desio e perché?” (Il Giorno, 8 maggio 2012)

Leggi tutto »

Pubblicato in L'artigiano del mese | Etichette: | 5 Repliche

“Lavoro ai disabili? Solo se hai santi in paradiso…” (una lettera)

Ricevo e pubblico questa lettera, augurandomi una risposta da parte del Consorzio Desio Brianza.

——

 

Egregio Sig. Crisafulli, ho letto il Suo articolo in merito all’inserimento lavorativo dei disabili, e volevo raccontarLe la mia esperienza in merito.
Abito a Seregno, ho 33 anni, sono attualmente disoccupata e dall’anno scorso sono iscritta alle liste di collocamento mirato a seguito del riconoscimento di invalidità civile.

Al centro per l’impiego mi è stato consigliato di seguire il percorso Match presso il Consorzio Desio Brianza, a loro dire molto utile per chi come me si trova in situazioni particolari, senza lavoro e con problemi di salute.
Ho seguito il loro consiglio, ho fatto tutto l’iter: l’incontro conoscitivo, i test, l’analisi del profilo risultante dalle prove, le modifiche al
curriculum ecc. ecc. ecc.
Risultato ? Da quello che ho constatato io finora un’enorme perdita di tempo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Leggi tutto »

Pubblicato in L'artigiano del mese | Etichette: | 1 Replica

“Debellare le presenze che umiliano l’interesse di tutti”

Comunicato stampa di maggioranza sull’aggressione al Polo Tecnologico

 

Come forze politiche di maggioranza vogliamo intervenire nel modo più chiaro possibile in merito al criminale atto di devastazione del Polo Tecnologico.

I fatti, così come comunicati dall’amministrazione comunale, e rilanciati dalla stampa, sono noti.

Si tratta di un immobile di proprietà comunale, destinato ad ospitare il Consorzio Desio Brianza, i cui tre piani sono stati completamente sventrati da ignoti.

Dalle fotocopiatrici alle scrivanie, dalle vetrate agli igienici, nulla è stato risparmiato. E’ stata utilizzata l’acqua per rendere inservibili pavimenti e soffitti, e mazze per spaccare il più possibile.

Le indagini sono in corso, ma alcune valutazioni possono già essere fatte.

L’attacco, condotto in maniera pianificata e sistematica da esperti, non ha i contorni dell’atto di vandalismo.

Leggi tutto »

Pubblicato in L'artigiano del mese | Etichette: | 3 Repliche

Incubo furti, costretta a dormire nel negozio: “Aiutiamola”.

 

Ricevo e pubblico questa lettera, su una situazione tanto grave quanto intollerabile. Che, nonostante l’operosità e la bravura delle nostre forze dell’ordine, non si riesce a fermare. Made in Desio, nel suo piccolo, cerca di sostenere questo caso di chi sta vivendo un incubo di paura, sofferenza e danno economico (e non è certo la sola, purtroppo).

—————–

Ciao Alessandro, è dal primo furto che sto seguendo e mi sto interessando della vicenda che ora appare insostenibile ed assurda.
Una commerciane desiana è praticamente “sotto attacco” da parte di criminali che hanno scambiato il suo negozio per un bancomat.
Ora rischia di chiudere xchè non riesce a sostenere piu questa situazione e ha problemi seri con l’assicurazione che a questo punto sta rivedendo la posizione. 2 tentativi di furto e 3 furti avvenuti dal mese di dicembre 2011.
Leggi tutto »

Pubblicato in L'artigiano del mese | Etichette: | 3 Repliche

Come rispondere alla crisi

LICEO “ETTORE MAJORANA”

DESIO – VIA AGNESI 20

Giovedì 17 maggio

ore 21 in aula magna – Conferenza aperta al pubblico

UNA RISPOSTA POSSIBILE

ALLA CRISI ECONOMICA

MASSIMO MUCCHETTI – Giornalista del Corriere della Sera

  Leggi tutto »

Pubblicato in L'artigiano del mese | Scrivi un commento

Polo Universitario: “E’ stata la…”

INQUIETANTI ANALOGIE CON IL DISASTRO DELLA LOMBARDA PETROLI
Di Marco Fraceti
Atto intimidatorio, avvertimento ma quello che è successo il 5 e il 7 maggio scorso a Desio non lascia dubbi: qualcuno ha voluto lanciare un messaggio chiaro, ma a chi? All’amministrazione comunale che sta lavorando per ridare dignità ad un ente locale compromesso da anni col il potere criminale? Oppure un avviso ai costruttori Addamiano che li hanno il mostro incompiuto della torre? Potrebbero essere tutti e due gli obiettivi di questo messaggio devastante. E proprio perchè sono duplici gli obiettivi vi è una sola organizzazione che si muove con queste modalità in questi contesti torbidi: la ndrangheta. Leggi tutto »
Pubblicato in L'artigiano del mese | Etichette: | Scrivi un commento

Multe a go-go: a volte bisogna chiudere un occhio?

Piovono lamentele, da parte di numerosi automobilisti, più o meno indisciplinati, sulla sfilza di multe che da qualche settimana li sta colpendo.

Multe arrivate, ad esempio, fuori dalle chiese, dove si sono tenute comunioni, cresime o matrimoni. Ma anche fuori da feste di associazioni e altri eventi che comportanto un ingolfamento degli spazi e un ricorso a “parcheggio selvaggio”. Colpita, a quanto pare, anche una auto del Comune e una di una persona disabile, con regolare tagliando.

Consapevoli di “aver sgarrato” e della legittimità della multa, i cittadini chiedono – per certe occasioni – buon senso.

Secondo voi, è giusto in certi casi chiudere un occhio (e se sì, in quali casi) o bisogna sempre e comunque agire in base al Codice?

Pubblicato in L'artigiano del mese | 4 Repliche

Post-Devastazione

In questi giorni social network, siti e caselle di posta dei giornalisti sono pieni di valanghe di parole su quanto – di gravissimo – accaduto al Polo Universitario. E via con interviste su giornali, radio, tv. Questi due gli  ultimi comunicati della lunga serie.  Sempre più persone, in città, sono perplesse da questo fiume mediatico di comunicati, foto, video, appelli, sentenze, proposte. Qual è l’obiettivo?