Zanello? No, grazie. Gargiulo declina l’offerta.

Ricevo e pubblico

Domenica 5 giugno 1170 (6,5%) elettrici ed elettori desiani hanno scelto la Lista Civica PER Desio, il suo candidato Sindaco Simone Gargiulo ed hanno dato un buon numero di preferenze personali ai candidati consiglieri.
A detta di tutti un risultato oltre le aspettative per una Lista Civica che si presentava per la prima volta con un proprio candidato “non istituzionale”, “non politico” e soprattutto in netta contrapposizione con il sistema partitico attuale.

Il 19 giugno ci sarà il ballottaggio tra i candidati del centro sinistra (Corti) e del centro destra (Zanello). Come è normale che avvenga, gli schieramenti si sono mossi per cercare il consenso di coloro che sono rimasti esclusi dal ballottaggio, chi con richieste di dichiarazione di “preferenza” chi con offerte di apparentamento, le quali ovviamente comporterebbero assegnazione di più consiglieri comunali e, normalmente, l’affidamento di deleghe (assessorati).

Noi siamo estranei a queste dinamiche; nel corso della campagna elettorale sui nostri manifesti campeggiavano due parole: CORAGGIO ed INDIPENDENZA. Ebbene queste parole non erano scritte a caso, solo per attirare l’elettorato;, queste parole fanno parte del nostro DNA politico e per tale motivo la Lista Civica PER Desio (direttivo e candidati consiglieri) ha deciso all’UNANIMITA’ di NON apparentarsi né di appoggiare alcuno dei due candidati.

Noi non siamo degli eroi, ma semplicemente delle persone coerenti e non innamorate della poltrona ad ogni costo; abbiamo intrapreso questo viaggio 2 anni fa con l’intenzione di portare avanti un progetto importante, un progetto fuori dai partiti, un progetto che coinvolga il maggior numero di persone che hanno a cuore Desio senza che questo debba passare per forza da apparentamenti o coalizioni forzate. Siamo in Consiglio Comunale e questo è importante. Daremo il nostro apporto in modo costruttivo, esprimendo progetti ed idee che potranno essere condivisi anche dalle forze che governeranno (qualunque esse siano).

Cercheremo di allargare il nostro consenso e lo faremo lavorando duramente come abbiamo fatto fino ad oggi, parlando con le persone, non per slogan, ma con progetti semplici, realizzabili e concreti, ma soprattutto guardando le persone negli occhi. Non è una decisione “scontata” e nemmeno semplice da prendere per il gruppo (molte persone nuove e non esperte delle dinamiche politiche), ma personalmente mi è bastato guardarli negli occhi per capire che questa era l’unica strada percorribile e questa idea, che era già forte e radicata in me, è diventata di granito.

VIVA LA LISTA CIVICA PER DESIO

Simone Gargiulo Candidato Sindaco della Lista Civica PER Desio

Questo inserimento è stato pubblicato in L'artigiano del mese. Metti un segnalibro su permalink. Inserisci un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

11 Commenti

  1. Italia Antonina
    Pubblicato il 11 giugno 2016 alle 08:55 | Permalink

    Onore al merito a Gargiuolo. I cittadini di Desio dovrebbero andare alle urne votando scheda bianca. Ritornare al voto. E alcune liste civiche fuori dalla logica dei partiti allearsi. Non e’ utopia. Sicuramente sara’ una legislatura breve visti gli interessi in ballo sia della destra che della sinistra. Italia Antonella

  2. Claudio Fiore
    Pubblicato il 12 giugno 2016 alle 14:17 | Permalink

    Legislatura breve??? Meglio che quella interminabile di Corti non credi??

  3. fabrizio
    Pubblicato il 12 giugno 2016 alle 14:35 | Permalink

    Il risultato elettorale ottenuto da Gargiulo è fallimentare, vista la sua sicurezza di andare al ballottaggio (cosa in cui non ho mai creduto). Ma anche le altre liste civiche non se la cavano bene, se corrono da sole.
    La legislatura sarà breve se vincerà Zanello con cinque o addirittura sette liste da accontentare.

  4. Italia Antonella
    Pubblicato il 12 giugno 2016 alle 20:39 | Permalink

    Gentile Claudio Fiore quando parlo di interessi in ballo mi riferisco anche a qualcuno molto vicino a Lei. Badi bene sia Lei che Zanello siete persone che stimo, alla pari di Gargiuolo. Ma qualcuno sta sfruttando la buona fede di tutti e due per fare i suoi comodi. Se vince Zanello dopo l’attribuzione di una certa carica come amministratore delegato in una certa società ne ritorniamo a parlare. Fare l’assessore comporta capacità ed esporsi. Risulta più vantaggioso per qualcuno posizionarsi in qualche partecipata e portarsi a casa un lauto stipendio. Italia Antonella

  5. claudio fiore
    Pubblicato il 13 giugno 2016 alle 14:20 | Permalink

    Grazie per i complimenti. La mia presenza (indiretta) dovrebbe in qualche modo dare certezze che nel centro destra è cambiato qualcosa.

  6. pravda55
    Pubblicato il 13 giugno 2016 alle 18:44 | Permalink

    Eliminiamo le partecipate, sono il punto di arrivo (vedi Roma)di chi non vuole esporsi ma ritirare una buona prebenda a fine mese e contemporaneamente inserire in pianta organica un po’ di persone di fiducia.

  7. Alberto
    Pubblicato il 14 giugno 2016 alle 14:30 | Permalink

    Caspita la presenza indiretta di Fiore…. Siamo tutti più tranquilli adesso. E’ cambiato tantissimo il centrodestra coi 900 voti di preferenza di Vitale e Costanza, a cui si contrappongono i 428 di Forza Nuova (Campisi + Fiore nel 2011 ne avevano 634). Chissà poi come vanno d’accordo Fiore e i leghisti che lo buttarono fuori e che oggi sono imbarazzati nel farsi vedere con lui.

    PS: nelle partecipate vere, quelle grandi tipo BEA, Gelsia, Brianzacque ecc. Desio non conta un cazzo perchè ha si e no il 4%. Quelle si che andrebbero smontate. A Desio non c’è rimasto quasi nulla, la GSD è una scatola vuota che non serve a niente, ma gli sprechi grossi sono altrove.

  8. Claudio Fiore
    Pubblicato il 16 giugno 2016 alle 11:35 | Permalink

    I conticini di Alberto(?) lasciano sempre il tempo che trovano. Si agita il piccolo perché consapevole che le minchiate ipocrite sulla legalità che ne hanno fatto la loro fortuna non attecchiscono più. I leghisti non mi hanno mai cacciato ma è stato esattamente il contrario . Per quanto riguarda la mia presenza, certo che devi stare tranquillo. Gli abusi per me sono uguali per tutti. Per gente come voi no. A proposito. A scanso di equivoci. STO ASPETTANDO ANCORA LE DENUNCE DEI TUOI AMICI.

  9. Claudio Fiore
    Pubblicato il 16 giugno 2016 alle 11:45 | Permalink

    P.S. visto che in Gelsia non conta niente il Comune di Desio ( altra dimostrazione di come siete falsi) i cittadini desiani ricordano perfettamente della inaugurazione in pompa magna fatta dalla sinistra desiana degli inutili Uffici di piazza Don Giussani. Soldi spesi mensilmente per accontentare qualcuno è che naturalmente vengono recuperati dalle bollette dei cittadini. un piccolo appunto. Gli uffici dove c’erano prima sono però al tuo sindaco non gliene frega un cazzo. Capito????

  10. Alberto
    Pubblicato il 22 giugno 2016 alle 08:20 | Permalink

    Fiore ti sei agitato? Ho colpito nel segno. I voti calano e continui a stare fuori dal CC. Ma ritenta sarai più fortunato. Per dire quanto capisci di politica e quanto sai leggere mi dai del “sinistro” e non ti accorgi che ho scritto che le varie Gelsia e Bea andrebbero smontate o vendute subito. Ma tu e tuoi nuovi amici neri in realtà vorreste tenerle per occupare poltrone e distribuire finti posti di lavoro, come da tradizione. Quanto alla Lega loro dicono che ti hanno espulso, mettetevi d’accordo tra voi, mica è un problema mio.

  11. fabrizio
    Pubblicato il 22 giugno 2016 alle 08:57 | Permalink

    Per Gargiulo si prospetta una malinconica eclissi politica ( propendo per l’ipotesi che lasci il Consiglio Comunale prima del 2021…).

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*